Non c’è il cambio di passo

Fonte: Collettiva.it – 11 dicembre 2020

Qualche intervento “settoriale”, per di più insufficiente, ma nessuna novità che testimoni un cambio di rotta sulle politiche della scuola: questo il giudizio negativo della Flc Cgil rispetto al ddl 2790 relativo al bilancio di previsione dello Stato per l’anno finanziario 2021 e a quello pluriennale per il triennio 2021-2023. “Nell’introduzione al Piano di ripresa e resilienza – spiega Luigi Caramia, della segreteria nazionale del sindacato della conoscenza della Cgil – c’è scritto che la scuola è uno di quei capitoli su cui bisogna più puntare e investire. Peccato che di tutto questo nella legge di bilancio non troviamo traccia”. Mancano gli stanziamenti per le grandi riforme – l’obbligo scolastico a 18 anni e la generalizzazione della scuola dell’infanzia – come pure gli interventi richiesti dall’emergenza Covid, a partire dal potenziamento dei trasporti. In legge di bilancio, infatti, è presente un fondo unico di 150 milioni che però riguarderà lo specifico trasporto scolastico, quindi rivolto solo agli alunni e alle alunne del primo ciclo. Nessun riferimento circa l’attivazione di presìdi sanitari in ogni scuola. “Su questi temi ci aspettiamo un intervento. – rilancia il sindacalista – Il governo scelga quale può essere il miglior vettore normativo, ma agire è fondamentale”. (…) Nonostante tutta l’enfasi posta sul tema praticamente nulli sono stati gli investimenti per la digitalizzazione delle scuole, – ci sono solo alcune decine di milioni –  sulle figure degli animatori digitali o sulle equipe territoriali. Anche il capitolo che riguarda gli stanziamenti economici per il rinnovo dei contratti è una nota dolente. Le risorse effettivamente disponibili ammontano complessivamente a poco più di 3,2 miliardi di euro il che, per il comparto istruzione e ricerca, si traduce un aumento degli stipendi del il 3,5 per cento, ovvero di 83 euro medi mensili lordi, che però si abbassano per il riassorbimento dell’indennità di vacanza contrattuale. Nessuna traccia di quell’aumento a “tre cifre” forse troppo precipitosamente promesso.

Abstract articolo di Stefano Iucci

Articoli recenti

DISCIPLINE LETTERARIE NUOVA A-12

DISCIPLINE LETTERARIE NUOVA A-12

Cos’è la classe di concorso A012 La Classe di Concorso A012 permette l’insegnamento delle discipline letterarie, all’interno delle scuole secondarie di I e II grado. La CdC A012, che accorpa le ex A-12 e A-22, è la nuova denominazione unica data...

Tfa Sostegno, non servono i 24 Cfu Gli atenei rettificano i bandi

Tfa Sostegno, non servono i 24 Cfu Gli atenei rettificano i bandi

Non sono più necessari i 24 crediti formativi universitari (Cfu) per l'accesso al Tfa sostegno 2024 per la scuola secondaria. Lo ha chiarito il ministero dell'università, il 9 aprile, in una nota dove spiega che per accedere al IX ciclo del Tfa, il tirocinio formativo...

GPS 2024

GPS 2024

In questo particolare momento, molti insegnanti si trovano a riflettere su come migliorare il proprio punteggio per aumentare le probabilità di ottenere la posizione desiderata in graduatoria. In un contesto sempre più competitivo, è fondamentale...