SAPER INSEGNARE IN MODO AVVINCENTE: LA SFIDA DELLA DIDATTICA A DISTANZA

“Thank you for making a difference every day” ed anche un bel “We love you” tra gli altri cartelli che il professor Brown, docente della Chapman University, si è ritrovato a visualizzare sullo schermo il giorno dell’ultima lezione online del semestre. Una bella e inaspettata sorpresa da parte degli studenti, che ha commosso l’insegnante fino a fargli scendere le lacrime. L’intera ripresa video sta facendo il giro del mondo, riscontrando migliaia di commenti di apprezzamento e di like. A colpire è la scena di commozione ma noi vogliamo soffermarci su questa storia per l’insegnamento che, a nostro avviso, può essere tratto da essa. Cioè che è possibile svolgere la didattica a distanza in modo avvincente e tenendo vivo l’interesse degli studenti, riuscendo a ottenere ottimi risultati. Questo, ovviamente, se le lezioni sono organizzate con impegno e passione. L’augurio è quindi che questa lieta vicenda possa stimolare i docenti a individuare modalità di organizzazione delle lezioni a distanza sempre più coinvolgenti e strutturate in modo originale. Passato il momento iniziale, che per molti insegnanti italiani ha significato fare i conti con la carenza degli strumenti digitali o connessione insufficiente per molti studenti, ora si può pensare a migliorare la didattica in base all’esperienza acquisita in questi mesi. Molti docenti, questo va sottolineato, hanno fatto veramente l’impossibile per garantire le lezioni a distanza, anche se si è trattato di gestire una novità assoluta.  Nella prima fase della chiusura delle scuole vanno riconosciute tutte le scusanti. Dopo mesi diventa meno comprensibile che tanti docenti continuino a fare lezioni online con la stessa modalità con la quale spiegavano le materie in classe. Il risultato, noia mortale a parte, è ovviamente disastroso sia per l’insegnante stesso, che per gli studenti. A nessuno è richiesto di diventare provetti professor Brown ma sapersi rinnovare può fare bene in primo luogo proprio a se stessi. I risultati saranno apprezzati dagli studenti e, anche se non tutti i docenti avranno in premio uno show come quello toccato (meritatamente) al professor Brown, si tratterà comunque di una bella soddisfazione. Alla faccia di questo terribile virus e della pandemia, che per la scuola avrà avuto almeno un suo lato positivo, facendo compiere a tutti un passo in avanti.

Alberto Barelli

Articoli recenti

30 CFU CHI LI DEVE ACQUISIRE?

30 CFU CHI LI DEVE ACQUISIRE?

Docenti precari accedono direttamente al concorso. La legge 76/2022, che contiene le nuove regole del reclutamento degli insegnanti, prevede delle misure ad hoc per i precari con 3 anni di servizio. Al comma 4 dell’articolo 5 della legge appena approvata, si legge...

TITOLO DI LAUREA: VERSO IL RISCATTO GRATUITO PER LA PENSIONE

TITOLO DI LAUREA: VERSO IL RISCATTO GRATUITO PER LA PENSIONE

No Laurea No insegnamento. E il rischio è di vedersi sfuggire anche la possibilità di maturare con un bel anticipo la pensione. Insomma del titolo di laurea non si può più fare a meno. Con la riforma dell’accesso all’insegnamento appena approvata da Parlamento, senza...

Lo Ius Scholae diventa una proposta di Legge

Lo Ius Scholae diventa una proposta di Legge

Si sta discutendo in queste ore di una nuova legge che potrebbe cambiare la vita a più di un milioni di ragazzi: lo Ius Scholae. Questa legge permetterebbe il riconoscimento della cittadinanza italiana a un percorso scolastico per i minori che non ce l’hanno dalla...

Didattica emozionale

Didattica emozionale

Serenità, interesse, noia, accettazione, apprensione, distrazione Tutti i nostri bambini dai più piccoli ai più grandi hanno un estremo bisogno di conoscere e riconoscere le loro emozioni: cosa provo? di comprenderle: perché provo questo? ed imparare ad esprimerle in...