Sulla scuola si tratta per abbassare il 75% di rientro in presenza

Fonte: Il Sole 24 Ore – 18 dicembre 2020

Conciliare il numero degli studenti chiamati a sostenere le lezioni in presenza (il 75%) con la capienza del trasporto pubblico, ora ferma al 50%.È questo, il nodo principale con il quale fare i conti in vista della riapertura delle scuole il 7 gennaio. I numeri non sono da poco: a gennaio sono attesi sui banchi circa 2 milioni di alunni di licei, tecnici e professionali, oltre ai 5 milioni di ragazzi del primo ciclo già a scuola al 100% da settembre, seppur a singhiozzo, in base alla cartina a colori dell’Italia. Un numero troppo elevato per l’attuale sistema dei trasporti. Lo scaglionamento degli ingressi è una possibile soluzione ma la rimodulazione degli orari comporta una serie di effetti collaterali, basti pensare al potenziamento del personale dedicato alla pulizia e sanificazione degli ambienti. Di qui la soluzione di provare ad abbassare la soglia nazionale del 75% di rientro in presenza (magari portanda al 60%, o forse al 50%, lasciando più autonomia agli istituti). Come ricorda Antonello Giannelli, l’Associazione nazionale presidi, «oggi le scuole con la loro autonomia possono modulare l’organizzazione per garantire la sicurezza. Per garantire decisioni ponderate servirebbe una base informativa con i trasporti per conoscere i flussi di traffico e di utenza e quindi adattare di conseguenza gli orari di ingresso. Il tema, certo, è delicato e le situazioni sono diverse da area ad area. Per questo ai tavoli istituzionali è un errore non far sedere anche i presidi che conoscono le singole realtà». La decisione resta legata anche all’andamento del virus ma la ministra dell’Istruzione, Lucia Azzolina, è ferma nell’assicurare la riapertura in presenza dal 7 gennaio.

Abstract articolo di Claudio Tucci

Articoli recenti

LA DENUNCIA DEI PRESIDI: TROPPE SCUOLE AL FREDDO

LA DENUNCIA DEI PRESIDI: TROPPE SCUOLE AL FREDDO

Si surriscalda la polemica attorno alle scuole e, in questo caso, verrebbe da dire bene. Il problema, infatti, è proprio la temperatura troppo fredda che rende difficile per molti studenti studiare in condizioni normali. Stando alla denuncia del presidente...

“Se si è imparato ad imparare si è fatti per imparare”

“Se si è imparato ad imparare si è fatti per imparare”

Perché non sviluppare strategie metacognitive già dalla scuola primaria? “La caratteristica peculiare dell’Università consiste nell’insegnare a studiare. La laurea è solo la prova che si sa studiare, che si sa acquisire formazione da se stessi e che ci si è trovati...

RIDIMENSIONAMENTO SCOLASTICO, E’ SCONTRO TRA GOVERNO E SINDACATI

RIDIMENSIONAMENTO SCOLASTICO, E’ SCONTRO TRA GOVERNO E SINDACATI

Non è vero che la matematica non sia un opinione. Ce lo insegna la polemica innescatasi in questi giorni sul piano di ridimensionamento scolastico. E a tremare è anche il principio che 2 più 2 faccia quattro. Non nel senso che non sia vero, ma che può essere...