Aggiornamenti su Brexit e Programma Erasmus plus

Fonte: tecnicadellascuola.it – 18 dicembre 2020

Gli studenti britannici rischiano di perdere la possibilità di accedere al programma Erasmus+. E’ una delle conseguenze del mancato raggiungimento dell’accordo tra UE e Regno Unito sulla Brexit. Michel Barnier, il capo negoziatore Brexit dell’UE, ha annunciato infatti che le due parti non sono riuscite a concordare la continuazione della partecipazione al programma da parte della Gran Bretagna. I vicerettori delle università britanniche già a marzo avevano avvertito che perdere l’accesso al programma di scambio di istruzione superiore dell’Ue avrebbe creato un buco nell’economia del Regno Unito. Universities UK, il gruppo che rappresenta i leader universitari britannici, calcola che l’adesione all’Erasmus+ porta all’economia britannica 243 milioni di sterline all’anno, dopo aver sottratto i costi di adesione ai 420 milioni di sterline generati dagli studenti dell’UE che visitano il Regno Unito nell’ambito del programma. Più di 17.000 studenti britannici all’anno beneficiano attualmente del programma.

Abstract articolo di Carmelina Maurizio

Articoli recenti

LA DENUNCIA DEI PRESIDI: TROPPE SCUOLE AL FREDDO

LA DENUNCIA DEI PRESIDI: TROPPE SCUOLE AL FREDDO

Si surriscalda la polemica attorno alle scuole e, in questo caso, verrebbe da dire bene. Il problema, infatti, è proprio la temperatura troppo fredda che rende difficile per molti studenti studiare in condizioni normali. Stando alla denuncia del presidente...

“Se si è imparato ad imparare si è fatti per imparare”

“Se si è imparato ad imparare si è fatti per imparare”

Perché non sviluppare strategie metacognitive già dalla scuola primaria? “La caratteristica peculiare dell’Università consiste nell’insegnare a studiare. La laurea è solo la prova che si sa studiare, che si sa acquisire formazione da se stessi e che ci si è trovati...

RIDIMENSIONAMENTO SCOLASTICO, E’ SCONTRO TRA GOVERNO E SINDACATI

RIDIMENSIONAMENTO SCOLASTICO, E’ SCONTRO TRA GOVERNO E SINDACATI

Non è vero che la matematica non sia un opinione. Ce lo insegna la polemica innescatasi in questi giorni sul piano di ridimensionamento scolastico. E a tremare è anche il principio che 2 più 2 faccia quattro. Non nel senso che non sia vero, ma che può essere...