50 euro in più, ma non per tutti

Fonte: Italia Oggi– 5 gennaio 2021

Incrementato di 400 milioni lo stanziamento per il rinnovo del contratto dei dipendenti pubblici. Le risorse a regime dal 2021 raggiungono così 3.775 milioni di euro. La somma si aggiunge alle risorse previste con la legge di Bilancio dello scorso anno pari a 1.100 milioni di euro il 2019, 1.750 milioni per il 2020 e 3.375 milioni di euro annui a decorrere dal 2021. I 400 milioni si aggiungono ai fondi del 2021 e rimarranno costanti per gli anni successivi. La stagione per il rinnovo contrattuale può essere considerata aperta. Per i 3 milioni e 180 mila, si tratta di un aumento pari a 1.187 euro annui. L’importo è da intendersi lordo stato: la somma comprende sia i contributi previdenziali che le ritenute fiscali. Il contributo previdenziale è il 41% ed un terzo va alle trattenute fiscali pertanto l’aumento netto dovrebbe aggirarsi intorno ai 50 euro. Sempre che vadano a finire tutti in busta paga. Molto dipenderà, infatti, proprio dalla destinazione delle risorse. Che sarà decisa dal governo tramite l’atto di indirizzo all’Aran, che farà da preludio alle trattative. Non è finita: quand’anche tutte le risorse fossero destinate allo stipendio tabellare, gli adeguamenti retributivi cambieranno a seconda dei comparti e delle relative qualifiche. (…). Pertanto, se il criterio non sarà modificato, perlomeno suddividendo le risorse a monte, comparto per comparto, sulla base del numero degli addetti (che nella scuola sono pari a circa 1/3 del totale dei dipendenti pubblici) la forbice tra gli operatori scolastici e il resto del pubblico impiego continuerà ad allargarsi. Un ulteriore elemento da valutare è l’effetto degli aumenti sulla riduzione del cuneo fiscale. Il rischio che gli aumenti possano vanificare in parte la detrazione fiscale prevista dall’articolo 2, del decreto-legge 3/2020, riguarda i docenti a fine carriera e i direttori dei servizi generali e amministrativi che vantano una retribuzione annua superiore a 28 mila euro lordi. Che potrebbero perdere parte dell’esenzione fiscale. La detrazione, che fino a 28 mila euro è di 100 euro al mese, per i redditi superiori a tale cifra si riduce gradatamente fino a 80 euro per le retribuzioni superiori a 28 mila euro annui e fino a 35 mila. E cioè proprio nella fascia di reddito che si raggiunge a fine carriera quando si superano i 35 anni di anzianità di servizio. Il problema non si pone per i redditi da lezioni private. Che sono soggetti ad un’imposta sostituiva del 15% (art.1 commi 13-16, legge 415/2018).

Abstract articolo di Carlo Forte

Articoli recenti

30 CFU CHI LI DEVE ACQUISIRE?

30 CFU CHI LI DEVE ACQUISIRE?

Docenti precari accedono direttamente al concorso. La legge 76/2022, che contiene le nuove regole del reclutamento degli insegnanti, prevede delle misure ad hoc per i precari con 3 anni di servizio. Al comma 4 dell’articolo 5 della legge appena approvata, si legge...

TITOLO DI LAUREA: VERSO IL RISCATTO GRATUITO PER LA PENSIONE

TITOLO DI LAUREA: VERSO IL RISCATTO GRATUITO PER LA PENSIONE

No Laurea No insegnamento. E il rischio è di vedersi sfuggire anche la possibilità di maturare con un bel anticipo la pensione. Insomma del titolo di laurea non si può più fare a meno. Con la riforma dell’accesso all’insegnamento appena approvata da Parlamento, senza...

Lo Ius Scholae diventa una proposta di Legge

Lo Ius Scholae diventa una proposta di Legge

Si sta discutendo in queste ore di una nuova legge che potrebbe cambiare la vita a più di un milioni di ragazzi: lo Ius Scholae. Questa legge permetterebbe il riconoscimento della cittadinanza italiana a un percorso scolastico per i minori che non ce l’hanno dalla...

Didattica emozionale

Didattica emozionale

Serenità, interesse, noia, accettazione, apprensione, distrazione Tutti i nostri bambini dai più piccoli ai più grandi hanno un estremo bisogno di conoscere e riconoscere le loro emozioni: cosa provo? di comprenderle: perché provo questo? ed imparare ad esprimerle in...