Si ritorna in classe in ordine sparso e ci si prepara per la mobilitazione promossa da “Priorità alla scuola” per «riaprire le superiori in sicurezza, vaccini ora nelle scuole».

Fonte: Il Manifesto – 8 gennaio 2021

“Per il rientro in sicurezza ci vuole uno screening permanente – spiega il comitato – e il vaccino per tutta la comunità scolastica, basta contrapporre diritto all’istruzione e alla salute, governo e regioni hanno fallito”. A Roma il coordinamento dei consigli degli istituti chiede la modifica del protocollo sui trasporti, mentre a Milano è polemica tra prefetto e presidi in merito ai provvedimenti previsti per chi non rispetta il 50% delle presenza in aula. In Lombardia le superiori torneranno in classe a metà dal 24 gennaio. Ieri il commissario all’emergenza Arcuri ha parlato di vaccino al personale scolastico a partire da febbraio. Quasi tre milioni di studenti delle scuole superiori torneranno in presenza lunedì 11 ma solo a metà (50%) mentre in tutte le altre si attenderà il 25 (Campania) o il primo febbraio (Veneto, Friuli, Marche). La giornata di ieri è iniziata con un flash mob davanti al ministero dell’Istruzione a Roma e con iniziative a piazza Affari e davanti alla regione Lombardia a Milano. Partecipate le manifestazioni dei collettivi che hanno organizzato la Dad in piazza. A Faenza la docente Gloria Ghetti, docente di filosofia del liceo Torricelli-Ballardini, ha occupato simbolicamente la sua scuola. «Così forse capiscono meglio il bisogno che abbiamo di tornare a scuola e restarci in sicurezza- ha spiegato – Questo significa garantire a tutti uno screening capillare periodico con test rapidi e inserire il personale nella fascia uno della somministrazione del vaccino». Mobilitazioni anche a Napoli.«Scuola Saperi e Cura» ha manifestato e criticato la regione di De Luca e il governo. «L’emergenza che non è più tale – sostiene Roberta Moscarelli della rete degli studenti di Napoli – Ci sembra che non è stato fatto nulla per garantire il diritto all’istruzione senza metterlo in contrapposizione con quello alla salute». A Roma ieri c’è stato anche un sit-in a piazza Montecitorio, indetto dal coordinamento dei presidenti unitamente ai sindacati. Nella Capitale è in corso una forte polemica tra i docenti dei licei romani e della città metropolitana, il prefetto, l’ufficio scolastico regionale e il governo sulle modalità del rientro. (…)  In questo quadro non è detto che si si arriverà al 75% delle lezioni in presenza alle superiori prospettato dal governo. Si dovrà attendere il prossimo Dpcm ma in molti temono la Dad al 100%. La riapertura post-natalizia conferma lo stato di crisi profonda che danneggia la vita psichica e relazionale degli studenti e aggredisce la costituzione. «Ciò che amareggia è la scuola messa all’ultimo posto – spiega Costanza Margiotta di «Priorità alla scuola» – La si condanna per i contagi prima di averla riaperta. Sulla scuola si gioca una crisi di governo e un’altra di sistema perché lo Stato è prigioniero delle regioni e non è in grado di assicurare l’istruzione. Dopo 10 mesi di pandemia il governo ha fallito sulla riapertura».

Abstract articolo di Roberto Ciccarelli

Articoli recenti

APPRODA ALLA CAMERA LA RIFORMA DELL’ISTRUZIONE TECNICA SUPERIORE

APPRODA ALLA CAMERA LA RIFORMA DELL’ISTRUZIONE TECNICA SUPERIORE

Gli Istituti tecnologici superiori (ITS Academy) saranno presto realtà. Chi sarà in possesso del diploma quadriennale di istruzione e formazione professionale potrà accedere a questo secondo percorso, finalizzato soprattutto all’inserimento nel mondo del lavoro. Al...

Didattica attiva: che cos’è la lezione euristica?

Didattica attiva: che cos’è la lezione euristica?

La lezione euristica è quell’approccio didattico basato sul mettere al centro del processo di apprendimento l’alunno che lavora ad una ricerca, un’indagine, dalla quale possa scaturire una scoperta, spesso estremamente empirica. Ed è tale scoperta, nata da un processo...

CONSIGLI DI ISTITUTO CONTRO LA SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE

CONSIGLI DI ISTITUTO CONTRO LA SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE

Non piace la Scuola di Alta Formazione e ora a scendere in campo contro il progetto sono interi collegi di docenti. E’ il caso degli insegnanti dell’Istituto Pesenti di Cascina (PI) – tanto per citare un esempio – che hanno preso carta e penna per fare conoscere...

30 CFU CHI LI DEVE ACQUISIRE?

30 CFU CHI LI DEVE ACQUISIRE?

Docenti precari accedono direttamente al concorso. La legge 76/2022, che contiene le nuove regole del reclutamento degli insegnanti, prevede delle misure ad hoc per i precari con 3 anni di servizio. Al comma 4 dell’articolo 5 della legge appena approvata, si legge...