Bozza del Piano Nazionale di Ripresa e resilienza: ecco le azioni previste per il mondo della scuola

Il 12 gennaio 2021  è stata preparata  la bozza del “piano nazionale di Ripresa e resilienza:  next generation Italia”   che verrà discusso nei prossimi giorni con i sindacati. Secondo la Bozza le risorse impiegate per istruzione e ricerca ammonteranno a 28,5 miliardi di euro suddivise su due componenti  principali “potenziamento delle competenze e diritto allo studio” e “dalla ricerca all’impresa”. Nella fattispecie la prima componente riguarderà più da vicino il mondo della scuola e gli interventi specifici coinvolgeranno innanzitutto il fondo a tempo pieno scuola con l’aumento del “tempo scuola” e il potenziamento delle scuole materne  per permettere alle famiglie una migliore conciliazione di tempi scuola e lavoro. Altre misure saranno la riduzione dei divari territoriali nelle competenze e il contrasto all’abbandono scolastico con la disponibilità di organico potenziato dei docenti  per almeno un biennio, azioni di tutoraggio e formazione  e un investimento su attività di  orientamento attivo che consentano di ridurre il fenomeno  dell’abbandono prematuro degli studi ai parametri europei. L’intervento agevola  inoltre l’inclusione sociale con il miglioramento della didattica digitale  per soggetti con disabilità. Rispetto agli asili l’obiettivo è raggiungere un’offerta media nazionale dell’83% con creazione di circa 622.500 nuovi posti entro il 2026. Risorse stanziate inoltre sulla formazione continua del personale scolastico: si punterà  a potenziare in particolare le competenze linguistiche sia dei docenti sia degli alunni introducendo  corsi curriculari di lingua nella scuola infanzia ed extracurriculari per la primaria e secondaria nonché periodi di studio all’estero. Sarà realizzato inoltre un sistema di monitoraggio digitale delle competenze linguistiche con la collaborazione dei relativi enti certificatori. Deciso inoltre l’aumento dell’offerta formativa degli istituti tecnico scientifici con incremento della partecipazione delle imprese nei processi di formazione. Si procederà poi all’ammodernamento tecnologico di tutte le  scuole con dotazioni “smart” in base alle esigenze specifiche. Previsti inoltre orientamento attivo nella transazione scuola-università e l’istituzione di percorsi universitari gestiti a livello regionale secondo la vocazione delle imprese del territorio. Si attende ora l’esito dell’incontro predisposto  tra la ministra Azzolina  e sindacati per la discussione delle misure  in via ufficiale.

Ilaria Montenegri

Articoli recenti

INSEGNANTI DI SOSTEGNO: E’ EMERGENZA

INSEGNANTI DI SOSTEGNO: E’ EMERGENZA

E’ sempre più emergenza per la carenza di insegnanti di sostegno. Al numero dei posti già scoperti si aggiungono ora quelli lasciati vuoti dai vincitori del concorso, che entro Natale dovranno raggiungere le nuove sedi assegnate. Alla luce di questa nuova tegola che...

I disturbi dello spettro autistico, come si può intervenire a scuola.

I disturbi dello spettro autistico, come si può intervenire a scuola.

APPROFONDISCI LE TUE COMPETENZE CON IL MASTER SU L'AUTISMO L’autismo è un disturbo del neurosviluppo la cui origine è data dalla coesistenza di una predisposizione genetica e di fattori di rischio ambientali. Tale binomio provoca un’alterazione a livello sia cognitivo...

NATALE SENZA INSEGNANTI PER GLI STUDENTI DEIVINCITORI DEL CONCORSO

NATALE SENZA INSEGNANTI PER GLI STUDENTI DEI
VINCITORI DEL CONCORSO

Natale amaro per 1400 insegnanti vincitori del recente concorso: dovranno infatti trasferirsi subito per ricoprire il nuovo incarico.La conseguenza è che saranno ben 80000 gli studenti che resteranno senza insegnante. Considerati i tempi per coprire le cattedre vuote,...