Tirocini durante il percorso universitario per capire se si è portati per l’insegnamento

Fonte:  Orizzontescuola.it – 11 febbraio 2021

“Che cosa rende inadeguato il 17 per cento degli insegnanti? Il fatto di non comunicare agli studenti gli obiettivi della lezione, di non presentare chiaramente i contenuti di apprendimento, di non seguire nel corso della spiegazione una sequenza logica degli argomenti trattati”, spiega il direttore della Fondazione Agnelli, Andrea Gavosto, riferendosi agli esiti della ricerca intitolata Osservazioni in classe. “Gli insegnanti ci rivelano di sentirsi ben preparati per ciò che riguarda le conoscenze disciplinari, molto meno invece nelle competenze didattiche”. Alla fine, però, insiste Gavosto, “non sappiamo davvero che cosa avvenga nelle nostre aule”.La ricerca Osservazioni in classe, realizzata da Invalsi e Fondazione Agnelli, ha cercato di colmare questo limite: “Con il consenso e la collaborazione di dirigenti e insegnanti – racconta Gavosto – siamo entrati nelle classi di scuola primaria e secondaria di I grado per capire meglio come lavorino quotidianamente gli insegnanti italiani, così da fondare i ragionamenti di politica scolastica su evidenze empiriche raccolte con rigore. L’attenzione è andata in primo luogo alle strategie e alle pratiche didattiche”. Risultato? Insegnanti di matematica più efficaci di quelli di italiano. E ancora: più del 23 per cento degli insegnanti possiede ottime capacità di svolgere al meglio la tradizionale lezione dalla cattedra, che invece viene svolta in modo inadeguato da circa il 17 per cento dei docenti, con il restante 60 per cento che si colloca a un livello medio e ha importanti margini di miglioramento. E’ questa la situazione della didattica nelle scuole primarie e medie, che fuoriesce – come abbiamo riferito nei giorni scorsi – da “Osservazioni in classe”, una ricerca frutto di una collaborazione tra la Fondazione Agnelli e Invalsi. Dall’indagine – effettuata grazie a 188 osservatori su un campione di oltre 1.600 insegnanti di italiano e matematica di 207 istituti comprensivi in tutto il Paese – risulta che gli insegnanti della scuola primaria sono mediamente più virtuosi dei professori delle medie: il 34 per cento si colloca nella fascia di eccellenza nel fornire agli allievi indicazioni sulle strategie e i metodi da seguire (9 per cento in più delle medie, dove sono il 25 per cento). Gli insegnanti di matematica, come detto, risultano mediamente più efficaci dei loro colleghi di italiano (33 per cento contro il 25 per cento).

Abstract articolo di Avv. Marco Barone

Articoli recenti

CONSIGLI DI ISTITUTO CONTRO LA SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE

CONSIGLI DI ISTITUTO CONTRO LA SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE

Non piace la Scuola di Alta Formazione e ora a scendere in campo contro il progetto sono interi collegi di docenti. E’ il caso degli insegnanti dell’Istituto Pesenti di Cascina (PI) – tanto per citare un esempio – che hanno preso carta e penna per fare conoscere...

30 CFU CHI LI DEVE ACQUISIRE?

30 CFU CHI LI DEVE ACQUISIRE?

Docenti precari accedono direttamente al concorso. La legge 76/2022, che contiene le nuove regole del reclutamento degli insegnanti, prevede delle misure ad hoc per i precari con 3 anni di servizio. Al comma 4 dell’articolo 5 della legge appena approvata, si legge...

TITOLO DI LAUREA: VERSO IL RISCATTO GRATUITO PER LA PENSIONE

TITOLO DI LAUREA: VERSO IL RISCATTO GRATUITO PER LA PENSIONE

No Laurea No insegnamento. E il rischio è di vedersi sfuggire anche la possibilità di maturare con un bel anticipo la pensione. Insomma del titolo di laurea non si può più fare a meno. Con la riforma dell’accesso all’insegnamento appena approvata da Parlamento, senza...

Lo Ius Scholae diventa una proposta di Legge

Lo Ius Scholae diventa una proposta di Legge

Si sta discutendo in queste ore di una nuova legge che potrebbe cambiare la vita a più di un milioni di ragazzi: lo Ius Scholae. Questa legge permetterebbe il riconoscimento della cittadinanza italiana a un percorso scolastico per i minori che non ce l’hanno dalla...