Il Re è nudo: la scuola è veicolo di contagi.

Il Re è nudo. La scuola, per buona pace di chi ha sostenuto il contrario, è un veicolo di contagio del coronavirus. Lo ha affermato ieri Massimo Andreoni, direttore scientifico della Società italiana di Malattie infettive e primario di Malattie infettive al Policlinico Tor Vergata di Roma, per il quale non ci sono dubbi: “gli eventi di questi giorni testimoniano che la scuola, intesa non solo come sede di aggregazione degli studenti, ma per ciò che avviene collateralmente alle lezioni (parlo degli autobus, degli spostamenti, dei gruppi che si formano quando si entra e si esce dall’istituto) rappresenta un elemento di diffusione del virus indubitabile”.  E se qualcuno pensasse che le cosa fosse nota e che per convincersi non ci dovrebbe essere bisogno delle affermazioni di uno scienziato, ricordiamo che il ministro del passato governo fino all’ultimo ha puntato alla riapertura delle scuole, in quanto non era provata l’incidenza della trasmissione del virus tra i banchi. Il ministro Azzolina era stata ferma anche nella critica alla didattica a distanza, per poi riconoscerne la validità. “In questi mesi – ha scritto la grillina su facebook – ho lottato per il rientro in presenza di studentesse e studenti, perché le lezioni in classe sono insostituibili e la Dad può essere considerata solo una misura temporanea. La Dad, però, è stata anche una misura preziosa: un anno fa, quando la pandemia ci ha travolto improvvisamente – primo Paese occidentale ad esserne colpito – non avevamo punti di riferimento”. Insomma, sulla Dad ha riconosciuto che si è cambiata idea. Sul rientro in aula evidentemente la pensa allo stesso modo. Chissà che a lei e ai suoi ex collaboratori non le capiti di leggere le considerazioni di Andreoni. Nel caso consigliamo la lettura della favola “Il Re è nudo”. Ora hanno più tempo di leggere e, a essere cattivi, osserviamo che la cosa un po’ ci solleva.

Alberto Barelli

Articoli recenti

APPRODA ALLA CAMERA LA RIFORMA DELL’ISTRUZIONE TECNICA SUPERIORE

APPRODA ALLA CAMERA LA RIFORMA DELL’ISTRUZIONE TECNICA SUPERIORE

Gli Istituti tecnologici superiori (ITS Academy) saranno presto realtà. Chi sarà in possesso del diploma quadriennale di istruzione e formazione professionale potrà accedere a questo secondo percorso, finalizzato soprattutto all’inserimento nel mondo del lavoro. Al...

Didattica attiva: che cos’è la lezione euristica?

Didattica attiva: che cos’è la lezione euristica?

La lezione euristica è quell’approccio didattico basato sul mettere al centro del processo di apprendimento l’alunno che lavora ad una ricerca, un’indagine, dalla quale possa scaturire una scoperta, spesso estremamente empirica. Ed è tale scoperta, nata da un processo...

CONSIGLI DI ISTITUTO CONTRO LA SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE

CONSIGLI DI ISTITUTO CONTRO LA SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE

Non piace la Scuola di Alta Formazione e ora a scendere in campo contro il progetto sono interi collegi di docenti. E’ il caso degli insegnanti dell’Istituto Pesenti di Cascina (PI) – tanto per citare un esempio – che hanno preso carta e penna per fare conoscere...

30 CFU CHI LI DEVE ACQUISIRE?

30 CFU CHI LI DEVE ACQUISIRE?

Docenti precari accedono direttamente al concorso. La legge 76/2022, che contiene le nuove regole del reclutamento degli insegnanti, prevede delle misure ad hoc per i precari con 3 anni di servizio. Al comma 4 dell’articolo 5 della legge appena approvata, si legge...