I presidi italiani i più pagati ma i meno soddisfatti

Fonte: la Repubblica – 24 febbraio 2021

I presidi italiani sono più pagati ma anche i meno soddisfatti al mondo, secondo un’indagine dell’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (Ocse). A determinare l’insodisfazione è l’emergenza sanitaria, per la quale sono stati sottoposti a un vero e proprio superlavoro. “Sebbene – si legge nello studio – i contratti e le norme diano un’idea della responsabilità che i capi di istituto potrebbero essere stati tenuti ad assumere durante la pandemia, queste potrebbero non riflettere sempre ciò che è accaduto nella pratica. Durante questa crisi senza precedenti, i capi di istituto hanno anche assunto compiti non dovuti e che non hanno mai affrontato negli anni precedenti”. Ma quanto è il compenso dei presidi? La media Ocse è di 73mila dollari Usa. I capi d’istituto italiani, con oltre 107mila dollari, si piazzano soltanto dopo Australia e Regno Unito. Ma, guardando il differenziale con i loro docenti, sono i più pagati al mondo. Un preside australiano guadagna l’85% in più di un proprio insegnante, nel Regno Unito si sale al 136%: quasi due volte e mezzo. In Italia si sale ancora: siamo al 160%, pari a oltre due volte e mezzo lo stipendio medio di un docente in cattedra. Tradotta in euro (in base al potere d’acquisto in Italia) sfiora i 72mila euro lordi annui. Una cifra che non li soddisfa affatto. (…) L’Ocse indaga anche i motivi che inducono i dirigenti scolastici a dichiararsi insoddisfatti del proprio lavoro. Il 71% punta il dito sul lavoro amministrativo, come fonte di “un bel po’” o “molto” stress. Circa la metà dei capi di istituto ha anche segnalato altri compiti come fonti di affaticamento mentale: tenersi al passo con le mutevoli esigenze delle autorità locali, comunali/regionali, o nazionali/federali (il 55%); essere ritenuti responsabili del conseguimento dei risultati degli studenti (il 46%) e fronteggiare le richieste o le preoccupazioni dei genitori, fonte di stress per il 47%. E nel corso della pandemia c’è da credere che i motivi di preoccupazione siano aumentati.

Abstract articolo di Salvo Intravaia

Articoli recenti

INSEGNANTI DI SOSTEGNO: E’ EMERGENZA

INSEGNANTI DI SOSTEGNO: E’ EMERGENZA

E’ sempre più emergenza per la carenza di insegnanti di sostegno. Al numero dei posti già scoperti si aggiungono ora quelli lasciati vuoti dai vincitori del concorso, che entro Natale dovranno raggiungere le nuove sedi assegnate. Alla luce di questa nuova tegola che...

I disturbi dello spettro autistico, come si può intervenire a scuola.

I disturbi dello spettro autistico, come si può intervenire a scuola.

APPROFONDISCI LE TUE COMPETENZE CON IL MASTER SU L'AUTISMO L’autismo è un disturbo del neurosviluppo la cui origine è data dalla coesistenza di una predisposizione genetica e di fattori di rischio ambientali. Tale binomio provoca un’alterazione a livello sia cognitivo...

NATALE SENZA INSEGNANTI PER GLI STUDENTI DEIVINCITORI DEL CONCORSO

NATALE SENZA INSEGNANTI PER GLI STUDENTI DEI
VINCITORI DEL CONCORSO

Natale amaro per 1400 insegnanti vincitori del recente concorso: dovranno infatti trasferirsi subito per ricoprire il nuovo incarico.La conseguenza è che saranno ben 80000 gli studenti che resteranno senza insegnante. Considerati i tempi per coprire le cattedre vuote,...