Università: per Uricchio “non ci sono settori privilegiati”

Fonte: Corriere della Sera – 10 marzo 2021

Per Antonio Uricchio, presidente dell’Agenzia nazionale di valutazione del sistema Universitario e della  Ricerca (Anvur), le determinazioni dell’ente non penalizzano in alcun modo la ricerca umanistica a vantaggio di quella scientifica. Uricchio interviene in risposta alle considerazioni di Ernesto Galli della Loggia, autore di un articolo intitolato «Quell’ideologia che penalizza le discipline umanistiche». “Le riflessioni condotte appaiono largamente condivisibili nella parte in cui stigmatizzano l’utilizzo di espressioni evocative di logiche produttivistiche e economicistiche anche in materia universitaria (come «capitale umano» e «prodotto della ricerca») e ribadiscono l’importanza della cultura umanistica nell’educare al mondo e ai valori democratici (così ad esempio Marta Nussbaum). – spiega Uricchio – Meno condivisibile è, tuttavia, la preoccupazione che le azioni dell’Agenzia nazionale di valutazione del sistema Universitario e della Ricerca (Anvur), di cui sono presidente, possano penalizzare la ricerca umanistica a vantaggio di quella scientifica”. “Invero, un certo immaginario considera ancora l’Anvur un’entità misteriosa, – continua – dominata da oscuri algoritmi e da modelli bibliometrici e citazionali che promuovono solo una parte della ricerca, prevalentemente di ambito scientifico e tecnologico, senza apprezzare la qualità immisurabile di monografie e altre opere delle scienze umane. Al contrario, l’Agenzia opera in piena trasparenza, promuovendo la valutazione come valore in grado di contribuire al complessivo miglioramento qualitativo del sistema universitario, obiettivo peraltro riconosciuto nello stesso editoriale. In questo contesto non vi sono aree scientifiche privilegiate né altre punite, in quanto la funzione della valutazione della ricerca è promuovere la qualità, il merito e l’eccellenza dell’intero sistema della ricerca attraverso criteri aperti e partecipati, sostenuti dal confronto costante con le comunità scientifiche di riferimento e con le altre agenzie internazionali”. (…) “Conclusivamente, credo che l’Agenzia abbia raggiunto e miri a conseguire ancora traguardi importanti (illustrati nel nuovo Programma delle attività 2021-2023), nonostante le resistenze e le diffidenze di alcuni ambienti accademici abituati all’autoreferenzialità e a un malinteso senso di autonomia. L’obiettivo – questa l’ultima valutazione – rimane quello di promuovere e consolidare la valutazione come modello, come opportunità e come valore, rendendola centrale nel miglioramento qualitativo dell’intero sistema accademico, nel rispetto della ricchezza e della diversità dei saperi e senza distinzione tra ambiti disciplinari”.

Abstract intervento di Antonio Uricchio

Articoli recenti

CONSIGLI DI ISTITUTO CONTRO LA SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE

CONSIGLI DI ISTITUTO CONTRO LA SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE

Non piace la Scuola di Alta Formazione e ora a scendere in campo contro il progetto sono interi collegi di docenti. E’ il caso degli insegnanti dell’Istituto Pesenti di Cascina (PI) – tanto per citare un esempio – che hanno preso carta e penna per fare conoscere...

30 CFU CHI LI DEVE ACQUISIRE?

30 CFU CHI LI DEVE ACQUISIRE?

Docenti precari accedono direttamente al concorso. La legge 76/2022, che contiene le nuove regole del reclutamento degli insegnanti, prevede delle misure ad hoc per i precari con 3 anni di servizio. Al comma 4 dell’articolo 5 della legge appena approvata, si legge...

TITOLO DI LAUREA: VERSO IL RISCATTO GRATUITO PER LA PENSIONE

TITOLO DI LAUREA: VERSO IL RISCATTO GRATUITO PER LA PENSIONE

No Laurea No insegnamento. E il rischio è di vedersi sfuggire anche la possibilità di maturare con un bel anticipo la pensione. Insomma del titolo di laurea non si può più fare a meno. Con la riforma dell’accesso all’insegnamento appena approvata da Parlamento, senza...

Lo Ius Scholae diventa una proposta di Legge

Lo Ius Scholae diventa una proposta di Legge

Si sta discutendo in queste ore di una nuova legge che potrebbe cambiare la vita a più di un milioni di ragazzi: lo Ius Scholae. Questa legge permetterebbe il riconoscimento della cittadinanza italiana a un percorso scolastico per i minori che non ce l’hanno dalla...