Università: per Uricchio “non ci sono settori privilegiati”

Fonte: Corriere della Sera – 10 marzo 2021

Per Antonio Uricchio, presidente dell’Agenzia nazionale di valutazione del sistema Universitario e della  Ricerca (Anvur), le determinazioni dell’ente non penalizzano in alcun modo la ricerca umanistica a vantaggio di quella scientifica. Uricchio interviene in risposta alle considerazioni di Ernesto Galli della Loggia, autore di un articolo intitolato «Quell’ideologia che penalizza le discipline umanistiche». “Le riflessioni condotte appaiono largamente condivisibili nella parte in cui stigmatizzano l’utilizzo di espressioni evocative di logiche produttivistiche e economicistiche anche in materia universitaria (come «capitale umano» e «prodotto della ricerca») e ribadiscono l’importanza della cultura umanistica nell’educare al mondo e ai valori democratici (così ad esempio Marta Nussbaum). – spiega Uricchio – Meno condivisibile è, tuttavia, la preoccupazione che le azioni dell’Agenzia nazionale di valutazione del sistema Universitario e della Ricerca (Anvur), di cui sono presidente, possano penalizzare la ricerca umanistica a vantaggio di quella scientifica”. “Invero, un certo immaginario considera ancora l’Anvur un’entità misteriosa, – continua – dominata da oscuri algoritmi e da modelli bibliometrici e citazionali che promuovono solo una parte della ricerca, prevalentemente di ambito scientifico e tecnologico, senza apprezzare la qualità immisurabile di monografie e altre opere delle scienze umane. Al contrario, l’Agenzia opera in piena trasparenza, promuovendo la valutazione come valore in grado di contribuire al complessivo miglioramento qualitativo del sistema universitario, obiettivo peraltro riconosciuto nello stesso editoriale. In questo contesto non vi sono aree scientifiche privilegiate né altre punite, in quanto la funzione della valutazione della ricerca è promuovere la qualità, il merito e l’eccellenza dell’intero sistema della ricerca attraverso criteri aperti e partecipati, sostenuti dal confronto costante con le comunità scientifiche di riferimento e con le altre agenzie internazionali”. (…) “Conclusivamente, credo che l’Agenzia abbia raggiunto e miri a conseguire ancora traguardi importanti (illustrati nel nuovo Programma delle attività 2021-2023), nonostante le resistenze e le diffidenze di alcuni ambienti accademici abituati all’autoreferenzialità e a un malinteso senso di autonomia. L’obiettivo – questa l’ultima valutazione – rimane quello di promuovere e consolidare la valutazione come modello, come opportunità e come valore, rendendola centrale nel miglioramento qualitativo dell’intero sistema accademico, nel rispetto della ricchezza e della diversità dei saperi e senza distinzione tra ambiti disciplinari”.

Abstract intervento di Antonio Uricchio

Articoli recenti

STUDENTI BOCCIATI IN COMPETENZE DIGITALI

STUDENTI BOCCIATI IN COMPETENZE DIGITALI

Meno male che per i giovani studenti si parla di “nativi digitali”, perché con la testiera sembra proprio che se la cavino malino. A decretare una sonora bocciatura è Save the Children, che ha recentemente reso noto il risultato di una indagine tra gli adolescenti. Il...

Concorso scuola 2024: secondo bando in autunno

Concorso scuola 2024: secondo bando in autunno

L'attenzione di migliaia di aspiranti docenti è già rivolta al secondo concorso scuola 2024, il cui bando dovrebbe arrivare in autunno, al massimo entro ottobre.   Secondo Concorso scuola 2024: PNRR Il secondo Concorso a cattedra 2024 è, nello specifico, l’ultima...