La scuola non è uguale per tutti, figuriamoci la dad

Fonte: il Manifesto – 11 marzo 2021

Nel capitolo del volume di quest’anno dedicato a «istruzione e formazione» l’Istat evidenzia diversi aspetti e lacune del sistema formativo del nostro paese a partire dagli asili nido fino ai livelli di scolarizzazione della popolazione adulta, che pongono l’Italia ancora negli ultimi gradini del continente ma è anche un’altra indagine, condotta dalla Fondazione Ismu (iniziative e studi sulla multietnicità) su cittadini maggiorenni stranieri delle province di Milano, Bergamo, Brescia e Cremona a mettere in luce quanto sia stato e continui ad essere difficoltoso per queste famiglie attrezzarsi per permettere ai propri figli di seguire le lezioni in dad. Dal campione intervistato risulta che in una famiglia su tre mancano o sono inadeguati gli strumenti tecnologici, il 27% non dispone di spazi domestici adatti e uno su cinque ha avuto difficoltà a supportare i figli nello studio.

Gli effetti della dad sono stati analizzati anche nel libro dell’Istat che denuncia come «nonostante gli sforzi delle istituzioni scolastiche, dei docenti e delle famiglie, l’8% dei bambini e ragazzi delle scuole di ogni ordine e grado è rimasto escluso da una qualsiasi forma di didattica a distanza e non ha preso parte alle video-lezioni con il gruppo classe, quota che sale al 23% tra gli alunni con disabilità». Una percentuale che, per esempio, la Fish (federazione italiana per il superamento dell’handicap) ritiene essere quasi doppia.

I dati sugli effetti della dad sugli alunni con disabilità dello scorso anno scolastico avevano portato il ministero dell’Istruzione a varare, l’estate scorsa, il «piano scuola» volto a permettere un’effettiva inclusione per questi studenti garantendo la scuola in presenza anche se la classe (o l’istituto) fosse andato in dad. Le situazioni che si erano create, con tutti i compagni in didattica a distanza e gli studenti con bisogni educativi speciali (Bes) in classe, avevano portato il ministero ad inserire, nel dpcm del 5 novembre scorso, il principio fondamentale di un’inclusione scolastica «effettiva» e non solo formale. Questo si era tradotto, nero su bianco, con la possibilità di «un coinvolgimento anche di un gruppo di allievi della classe di riferimento, che potrà variare nella composizione o rimanere immutato, in modo che sia costantemente assicurata quella relazione interpersonale fondamentale per lo sviluppo di un’inclusione effettiva e proficua, nell’interesse degli studenti e delle studentesse».

Con il nuovo Dpcm in vigore da sabato questo non sembrerebbe più possibile, avendo «epurato» anche i figli dei cosiddetti key worker, i lavoratori essenziali, dalla didattica in presenza. La Fish sostiene però che «ammettere alla frequenza in presenza i soli alunni con disabilità e con altri Bes, non rispetti lo spirito della logica inclusiva» e ritiene che le scuole debbano garantire le «cordate educative» permettendo la presenza a scuola di piccoli gruppi di compagni.

Una scelta interpretativa che ricadrebbe sui dirigenti scolastici viste le lacune dell’ultimo dpcm di sabato scorso e che ad oggi il governo non pare intenzionato a risolvere.

Abstract articolo di Roberto Pietrobon

Articoli recenti

CONSIGLI DI ISTITUTO CONTRO LA SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE

CONSIGLI DI ISTITUTO CONTRO LA SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE

Non piace la Scuola di Alta Formazione e ora a scendere in campo contro il progetto sono interi collegi di docenti. E’ il caso degli insegnanti dell’Istituto Pesenti di Cascina (PI) – tanto per citare un esempio – che hanno preso carta e penna per fare conoscere...

30 CFU CHI LI DEVE ACQUISIRE?

30 CFU CHI LI DEVE ACQUISIRE?

Docenti precari accedono direttamente al concorso. La legge 76/2022, che contiene le nuove regole del reclutamento degli insegnanti, prevede delle misure ad hoc per i precari con 3 anni di servizio. Al comma 4 dell’articolo 5 della legge appena approvata, si legge...

TITOLO DI LAUREA: VERSO IL RISCATTO GRATUITO PER LA PENSIONE

TITOLO DI LAUREA: VERSO IL RISCATTO GRATUITO PER LA PENSIONE

No Laurea No insegnamento. E il rischio è di vedersi sfuggire anche la possibilità di maturare con un bel anticipo la pensione. Insomma del titolo di laurea non si può più fare a meno. Con la riforma dell’accesso all’insegnamento appena approvata da Parlamento, senza...

Lo Ius Scholae diventa una proposta di Legge

Lo Ius Scholae diventa una proposta di Legge

Si sta discutendo in queste ore di una nuova legge che potrebbe cambiare la vita a più di un milioni di ragazzi: lo Ius Scholae. Questa legge permetterebbe il riconoscimento della cittadinanza italiana a un percorso scolastico per i minori che non ce l’hanno dalla...