Scuola, i disabili restano in classe.

Fonte: La Repubblica – 16 marzo 2021

Anche con la didattica a distanza è consentito l’ingresso in aula ai ragazzi con bisogni speciali. Dunque nelle nostre classi vuote, con sette studenti su otto a casa in Didattica a distanza, hanno libero accesso gli studenti disabili, come è sempre stato in questo anno scolastico così difficile, così come quelli con problemi specifici e bisogni speciali. Ora sarà possibile che alcuni compagni di classe, pochi, a gruppi, possano seguire le lezioni in aula insieme agli studenti con disabilità. Lo ha deciso con una nota il ministro dell’Istruzione Patrizio Bianchi, su indicazione del suo sottosegretario Rossano Sasso. La richiesta potrà essere avviata dalle singole famiglie, su base volontaria, e sarà il dirigente scolastico della singola scuola a consentire il rientro in classe di alcuni amici vicini allo studente con handicap. Il sottosegretario Sasso rivendica il ruolo svolto dalla Lega per la scelta di inclusione e dice: “L’ipotesi di vedere alunni disabili, e con bisogni educativi speciali, da soli in presenza con il resto della classe a distanza su uno schermo non piace né alle famiglie né alle tante associazioni dedicate. Ora, senza correre rischi epidemiologici, lasciamo ai presidi la possibiità di organizzare piccoli gruppi di alunni in presenza, che non prevedano però selezioni e discriminazioni in base al tipo di lavoro svolto dai genitori. Una turnazione, organizzata nei tempi e nei modi, che i dirigenti scolastici intenderanno attuare appare la soluzione più semplice”. Sulla questione è intervenuta, puntuta, l’ex ministra Lucia Azzolina ora deputata del Movimento Cinque Stelle, che ha voluto ricordare: “Quel principio, assicurare un’effettiva inclusione agli alunni con disabilità e con altri bisogni educativi speciali che svolgono attività in presenza, lo avevamo proposto con forza noi nel precedente Governo”.

Abstract articolo di Redazione

Articoli recenti

APPRODA ALLA CAMERA LA RIFORMA DELL’ISTRUZIONE TECNICA SUPERIORE

APPRODA ALLA CAMERA LA RIFORMA DELL’ISTRUZIONE TECNICA SUPERIORE

Gli Istituti tecnologici superiori (ITS Academy) saranno presto realtà. Chi sarà in possesso del diploma quadriennale di istruzione e formazione professionale potrà accedere a questo secondo percorso, finalizzato soprattutto all’inserimento nel mondo del lavoro. Al...

Didattica attiva: che cos’è la lezione euristica?

Didattica attiva: che cos’è la lezione euristica?

La lezione euristica è quell’approccio didattico basato sul mettere al centro del processo di apprendimento l’alunno che lavora ad una ricerca, un’indagine, dalla quale possa scaturire una scoperta, spesso estremamente empirica. Ed è tale scoperta, nata da un processo...

CONSIGLI DI ISTITUTO CONTRO LA SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE

CONSIGLI DI ISTITUTO CONTRO LA SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE

Non piace la Scuola di Alta Formazione e ora a scendere in campo contro il progetto sono interi collegi di docenti. E’ il caso degli insegnanti dell’Istituto Pesenti di Cascina (PI) – tanto per citare un esempio – che hanno preso carta e penna per fare conoscere...

30 CFU CHI LI DEVE ACQUISIRE?

30 CFU CHI LI DEVE ACQUISIRE?

Docenti precari accedono direttamente al concorso. La legge 76/2022, che contiene le nuove regole del reclutamento degli insegnanti, prevede delle misure ad hoc per i precari con 3 anni di servizio. Al comma 4 dell’articolo 5 della legge appena approvata, si legge...