Restano tutte le classi pollaio

Fonte: ItaliaOggi – 16 marzo 2021

Restano invariati gli organici per i posti comuni e quindi ci ritroveremo le classi pollai anche per il prossimo anno. I dati parlano di 1.000 posti in più di potenziamento nella scuola dell’infanzia e 5 mila posti di sostegno in più in organico di diritto, mentre i tagli nei professionali riguardano 486 cattedre e 164 posti di insegnante tecnico-pratico in meno. Dal quadro che emerge dalle tabelle predisposte dal ministero dell’istruzione, allegate alla bozza del nuovo decreto sugli organici, di cui si sta discutendo oggi a viale Trastevere tra i rappresentanti dell’amministrazione e delle organizzazioni sindacali, è chiaro che la riduzione del numero di alunni per classe, più volte auspicata per migliorare la qualità del processo didattico-apprenditivo e ridurre il rischio dei contagi da Covid-19, non ci sarà. Rimane solo una lieve riduzione del rapporto tra il numero degli alunni e il numero delle classi derivante dal calo demografico. Nel corrente anno scolastico, peraltro, vi sono 69.256 alunni in meno rispetto allo scorso anno. Il trend è costante ormai da alcuni anni e non accenna a diminuire. Quest’anno, però, vi sarà comunque un lieve aumento del numero dei docenti di circa 5.400 unità. Che deriva da un incremento di 5 mila posti di sostegno e dalla costituzione di 1.000 posti di potenziamento nella scuola dell’infanzia, a fronte della diminuzione del numero di docenti laureati (-486) e Itp (-164) negli istituti professionali. Resta il fatto, però, che si tratta di scostamenti irrilevanti rispetto alla media del numero degli alunni per classe, che resta comunque elevata. Oltretutto va fatto rilevare che la media non è un dato utile a tastare il polso alla situazione. Perché i dati sul territorio sono disomogenei. (…) La novità di quest’anno, dunque, è data dall’incremento dei posti di sostegno (+5 mila) e dall’introduzione dei posti di potenziamento (1.000) nella scuola dell’infanzia. La distribuzione di questi ultimi avverrà in modo direttamente proporzionale al numero degli alunni frequentanti. Il criterio individuato dal ministero, infatti, è il rapporto tra gli alunni di scuola dell’infanzia della regione e il numero degli alunni su base nazionale. Più complesso, invece, il criterio adottato per la distribuzione tra regioni del contingente dei 5 mila docenti di sostegno in più. Il principio che il ministero dell’istruzione intende applicare, infatti, prescinde dalla gravità dei casi (la gravità dell’handicap di cui gli alunni sono portatori). E prevede l’assegnazione dei posti in più nelle regioni dove il rapporto alunni disabili-docenti di sostegno è più alto. Per esempio, nella sola Lombardia è prevista l’assegnazione del 20,28% dei 5 mila docenti aggiuntivi. Ciò perché in Lombardia il rapporto alunni-sostegno è pari a 3,56. LA Lombardia dunque assorbirà ben 1.049 dei 5 mila docenti di sostegno in più previsti a livello nazionale, a fronte di 48.589 alunni disabili. Al Sud, invece, alla Campania, con un rapporto pari a 2,23, e alla Sicilia, che ha un rapporto di 2,36, a fronte, complessivamente, di 57.882 alunni disabili, andrà il 19,4% del contingente, pari a 970 docenti: 495 in Campania (9,9%) e 475 (9,5%) in Sicilia. In buona sostanza, dunque, il criterio previsto dal ministero non tiene presente che agli alunni più gravi viene assegnato un docente (rapporto 1:1) e a quelli meno gravi un docente ogni due alunni (rapporto 1:2) o un docente ogni 4 alunni (1:4).

Abstract articolo di Carlo Forte

Articoli recenti

APPRODA ALLA CAMERA LA RIFORMA DELL’ISTRUZIONE TECNICA SUPERIORE

APPRODA ALLA CAMERA LA RIFORMA DELL’ISTRUZIONE TECNICA SUPERIORE

Gli Istituti tecnologici superiori (ITS Academy) saranno presto realtà. Chi sarà in possesso del diploma quadriennale di istruzione e formazione professionale potrà accedere a questo secondo percorso, finalizzato soprattutto all’inserimento nel mondo del lavoro. Al...

Didattica attiva: che cos’è la lezione euristica?

Didattica attiva: che cos’è la lezione euristica?

La lezione euristica è quell’approccio didattico basato sul mettere al centro del processo di apprendimento l’alunno che lavora ad una ricerca, un’indagine, dalla quale possa scaturire una scoperta, spesso estremamente empirica. Ed è tale scoperta, nata da un processo...

CONSIGLI DI ISTITUTO CONTRO LA SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE

CONSIGLI DI ISTITUTO CONTRO LA SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE

Non piace la Scuola di Alta Formazione e ora a scendere in campo contro il progetto sono interi collegi di docenti. E’ il caso degli insegnanti dell’Istituto Pesenti di Cascina (PI) – tanto per citare un esempio – che hanno preso carta e penna per fare conoscere...

30 CFU CHI LI DEVE ACQUISIRE?

30 CFU CHI LI DEVE ACQUISIRE?

Docenti precari accedono direttamente al concorso. La legge 76/2022, che contiene le nuove regole del reclutamento degli insegnanti, prevede delle misure ad hoc per i precari con 3 anni di servizio. Al comma 4 dell’articolo 5 della legge appena approvata, si legge...