Sabato in migliaia sulle piazze contro la Dad

Si è tenuta In 34 città italiane sabato la prima giornata “nazionale” no-Dad, a partire da Trieste, Roma, Milano. In piazza, a protestare contro la didattica a distanza, c’erano insegnanti, genitori, alunni, associazioni organizzati dalla “Rete nazionale delle scuole in presenza” con la richiesta della ripresa al più presto delle lezioni in presenza. L’idea che è passata e che ha spinto tante persone a manifestare il loro dissenso è condensata nelle parole di uno dei dimostranti: “Non tollereremo che si rimandi l’apertura oltre l’8 aprile né che la didattica a distanza venga adottata come soluzione a lungo termine”.
Coloro che ieri hanno voluto manifestare il loro disaccordo nei confronti della Dad partono dal concetto che la chiusura delle scuole, e dunque la mancanza dei contatto fisico e della socializzazione fra i ragazzi nelle aule e coi loro docenti, possa lasciare per strada gli studenti fragili e di indebolire tutti gli altri:
”Quello che dobbiamo tutelare è la salute mentale dei ragazzi. I ragazzi in dad sono isolati”. E ancora: “la scuola non è fonte di contagio. I miei figli piangono ogni giorno perché gli manca la vita sociale”; “la scuola chiusa è un danno al Paese”.
In ogni caso il problema c’è, i contagi sono una triste realtà e sono anche tanti i docenti che lamentano i rischi giornalieri che corrono entrando a scuola per svolgere il proprio dovere: “Se in classe i distanziamenti e le misure igieniche, tra mascherine e gel, si possono controllare, all’ingresso e all’uscita si creano quasi spontaneamente confusioni e assembramenti tra i ragazzi. È li, in questa fase, che il rischio del contagio si fa reale”.

Fonte: latecnicadellascuola.it – 22 marzo 2021
Abstract articolo di Pasquale Almirante

Articoli recenti

APPRODA ALLA CAMERA LA RIFORMA DELL’ISTRUZIONE TECNICA SUPERIORE

APPRODA ALLA CAMERA LA RIFORMA DELL’ISTRUZIONE TECNICA SUPERIORE

Gli Istituti tecnologici superiori (ITS Academy) saranno presto realtà. Chi sarà in possesso del diploma quadriennale di istruzione e formazione professionale potrà accedere a questo secondo percorso, finalizzato soprattutto all’inserimento nel mondo del lavoro. Al...

Didattica attiva: che cos’è la lezione euristica?

Didattica attiva: che cos’è la lezione euristica?

La lezione euristica è quell’approccio didattico basato sul mettere al centro del processo di apprendimento l’alunno che lavora ad una ricerca, un’indagine, dalla quale possa scaturire una scoperta, spesso estremamente empirica. Ed è tale scoperta, nata da un processo...

CONSIGLI DI ISTITUTO CONTRO LA SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE

CONSIGLI DI ISTITUTO CONTRO LA SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE

Non piace la Scuola di Alta Formazione e ora a scendere in campo contro il progetto sono interi collegi di docenti. E’ il caso degli insegnanti dell’Istituto Pesenti di Cascina (PI) – tanto per citare un esempio – che hanno preso carta e penna per fare conoscere...

30 CFU CHI LI DEVE ACQUISIRE?

30 CFU CHI LI DEVE ACQUISIRE?

Docenti precari accedono direttamente al concorso. La legge 76/2022, che contiene le nuove regole del reclutamento degli insegnanti, prevede delle misure ad hoc per i precari con 3 anni di servizio. Al comma 4 dell’articolo 5 della legge appena approvata, si legge...