Sabato in migliaia sulle piazze contro la Dad

Si è tenuta In 34 città italiane sabato la prima giornata “nazionale” no-Dad, a partire da Trieste, Roma, Milano. In piazza, a protestare contro la didattica a distanza, c’erano insegnanti, genitori, alunni, associazioni organizzati dalla “Rete nazionale delle scuole in presenza” con la richiesta della ripresa al più presto delle lezioni in presenza. L’idea che è passata e che ha spinto tante persone a manifestare il loro dissenso è condensata nelle parole di uno dei dimostranti: “Non tollereremo che si rimandi l’apertura oltre l’8 aprile né che la didattica a distanza venga adottata come soluzione a lungo termine”.
Coloro che ieri hanno voluto manifestare il loro disaccordo nei confronti della Dad partono dal concetto che la chiusura delle scuole, e dunque la mancanza dei contatto fisico e della socializzazione fra i ragazzi nelle aule e coi loro docenti, possa lasciare per strada gli studenti fragili e di indebolire tutti gli altri:
”Quello che dobbiamo tutelare è la salute mentale dei ragazzi. I ragazzi in dad sono isolati”. E ancora: “la scuola non è fonte di contagio. I miei figli piangono ogni giorno perché gli manca la vita sociale”; “la scuola chiusa è un danno al Paese”.
In ogni caso il problema c’è, i contagi sono una triste realtà e sono anche tanti i docenti che lamentano i rischi giornalieri che corrono entrando a scuola per svolgere il proprio dovere: “Se in classe i distanziamenti e le misure igieniche, tra mascherine e gel, si possono controllare, all’ingresso e all’uscita si creano quasi spontaneamente confusioni e assembramenti tra i ragazzi. È li, in questa fase, che il rischio del contagio si fa reale”.

Fonte: latecnicadellascuola.it – 22 marzo 2021
Abstract articolo di Pasquale Almirante

Articoli recenti

INSEGNANTI DI SOSTEGNO: E’ EMERGENZA

INSEGNANTI DI SOSTEGNO: E’ EMERGENZA

E’ sempre più emergenza per la carenza di insegnanti di sostegno. Al numero dei posti già scoperti si aggiungono ora quelli lasciati vuoti dai vincitori del concorso, che entro Natale dovranno raggiungere le nuove sedi assegnate. Alla luce di questa nuova tegola che...

I disturbi dello spettro autistico, come si può intervenire a scuola.

I disturbi dello spettro autistico, come si può intervenire a scuola.

APPROFONDISCI LE TUE COMPETENZE CON IL MASTER SU L'AUTISMO L’autismo è un disturbo del neurosviluppo la cui origine è data dalla coesistenza di una predisposizione genetica e di fattori di rischio ambientali. Tale binomio provoca un’alterazione a livello sia cognitivo...

NATALE SENZA INSEGNANTI PER GLI STUDENTI DEIVINCITORI DEL CONCORSO

NATALE SENZA INSEGNANTI PER GLI STUDENTI DEI
VINCITORI DEL CONCORSO

Natale amaro per 1400 insegnanti vincitori del recente concorso: dovranno infatti trasferirsi subito per ricoprire il nuovo incarico.La conseguenza è che saranno ben 80000 gli studenti che resteranno senza insegnante. Considerati i tempi per coprire le cattedre vuote,...