Vaccino AstraZeneca, sconcerto per stop a docenti e Ata.

Fonte: latecnicadellascuola.it – 12 aprile 2021

Mario Rusconi, presidente Anp Lazio e Roma, lancia l’allarme per la decisione del governo di sospendere la somministrazione al personale della scuola del vaccino AstraZeneca: con l’ordinanza n. 6/2021 firmata dal generale Francesco Figliuolo si è imposta la precedenza di anziani e cittadini “fragili. Una decisione che arriva nello stesso periodo in cui le scuole vengono riaperte alle attività in presenza. La Tecnica della Scuola ne ha parlato con Mario Rusconi, presidente Anp Lazio e Roma.

Rusconi, cosa pensa della sospensione del vaccino AstraZeneca per docenti e Ata?

Siamo un po’ sconcertati, perché mancava una piccola parte del personale da vaccinare: non più di 200 – 300 mila lavoratori. Ancora pochissimi giorni e si poteva completare tutto. Invece una parte di loro si ritroverà in classe senza copertura.

Ma non pensa che sia più importante proteggere le persone con oltre 80 anni e portatori di patologie?

Certamente, ma rimane auspicabile che tutti gli insegnanti e Ata debbano essere vaccinati nel più breve tempo possibile.

Per quale motivo?

Perché per loro i rischi di contagiarsi di Covid rimangono alti.

Più altri di altre professioni?

Sì. Un insegnante si ritrova a lavorare ad una distanza ravvicinata con gli alunni ed in ambienti non certo aperti: i rischi che corre non sono nemmeno paragonabili ad un docente universitario o ad un avvocato.

Cosa accadrà ora?

Accadrà che passeranno alcune settimane prima di riprendere le vaccinazioni al personale scolastico. A quanto ci risulta, però, ci sono delle Regioni dove la situazione è più fluida: nel Lazio, ad esempio, si è andati spediti e lo stop per completare la campagna vaccinale su docenti e Ata potrebbe essere ridotto a pochi giorni.

Abstract articolo di  Alessandro Giuliani

Articoli recenti

APPRODA ALLA CAMERA LA RIFORMA DELL’ISTRUZIONE TECNICA SUPERIORE

APPRODA ALLA CAMERA LA RIFORMA DELL’ISTRUZIONE TECNICA SUPERIORE

Gli Istituti tecnologici superiori (ITS Academy) saranno presto realtà. Chi sarà in possesso del diploma quadriennale di istruzione e formazione professionale potrà accedere a questo secondo percorso, finalizzato soprattutto all’inserimento nel mondo del lavoro. Al...

Didattica attiva: che cos’è la lezione euristica?

Didattica attiva: che cos’è la lezione euristica?

La lezione euristica è quell’approccio didattico basato sul mettere al centro del processo di apprendimento l’alunno che lavora ad una ricerca, un’indagine, dalla quale possa scaturire una scoperta, spesso estremamente empirica. Ed è tale scoperta, nata da un processo...

CONSIGLI DI ISTITUTO CONTRO LA SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE

CONSIGLI DI ISTITUTO CONTRO LA SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE

Non piace la Scuola di Alta Formazione e ora a scendere in campo contro il progetto sono interi collegi di docenti. E’ il caso degli insegnanti dell’Istituto Pesenti di Cascina (PI) – tanto per citare un esempio – che hanno preso carta e penna per fare conoscere...

30 CFU CHI LI DEVE ACQUISIRE?

30 CFU CHI LI DEVE ACQUISIRE?

Docenti precari accedono direttamente al concorso. La legge 76/2022, che contiene le nuove regole del reclutamento degli insegnanti, prevede delle misure ad hoc per i precari con 3 anni di servizio. Al comma 4 dell’articolo 5 della legge appena approvata, si legge...