Vaccini, scuola e trasporti, Vaia smaschera gli errori del governo

Fonte:  Il Tempo – 15 aprile 2021

“Il governo deve risolvere i problemi non individuarli”. Questo il commento di Francesco Vaia, direttore sanitario dell’ospedale Spallanzani di Roma, ospite di La 7 a L’aria che tira nel talk di approfondimento politico condotto da Myrta Merlino. Nella puntata andata in onda mercoledì 14 aprile, si discute degli errori del governo circa i ritardi nell’approvvigionamento dei vaccini, il caos con la somministrazione delle dosi a disposizione e la conseguente incertezza delle persone verso certi vaccini. Per Vaia gli errori sono da attribuirsi al sistema delle istituzioni del Paese e accusa subito il governo Draghi: “Abbiamo fatto tutto da soli. Abbiamo fatto gli accordi in sede Europea e non sono andati bene. Abbiamo fatto accordi con alcune case e quelle case farmaceutiche sono venute meno agli impegni concordati. Abbiamo detto che certi vaccini andavano fatti fino ai 60 anni e dopo abbiamo detto oltre i 60 anni. Io da cittadino normale sarei un po’ disorientato”. Dunque, da una parte la popolazione perplessa, composta prevalentemente da donne e contemporaneamente il problema della carenza delle dosi a disposizione, Vaia continua così: “Noi come scienza abbiamo il dovere di essere neutri e non ci dobbiamo far condizionare da interessi economici e geopolitici”. (…)

L’idea del professor Vaia è quella di inserire una premialità per il comportamento virtuoso del cittadino: “Se io mi sottopongo al vaccino, faccio tanti sacrifici poi devo conquistare spazi di socialità e non restare chiuso”. Ma se i vaccini scarseggiano questa ipotesi sembra essere un’utopia, fa notare la conduttrice. Vaia ha una risposta anche per questo e punta ancora una volta il dito contro la politica: “I politici smettano di dire “abbiamo un problema”. La politica deve risolvere il problema, il problema è l’approvvigionamento quindi diamo sempre più dosi alle regioni. Approfittiamo della bella stagione non per restare inerti, perché settembre è dietro l’angolo e il problema delle scuole e dei trasporti ritorna. Chi deve potenzi i trasporti per le scuole la li potenzi veramente”. Un monologo da governatore più che da scienziato, come sottolinea la Merlino, che con un lapsus lo chiama Zaia anziché Vaia.

Abstract articolo di Giorgia Peretti

Articoli recenti

APPRODA ALLA CAMERA LA RIFORMA DELL’ISTRUZIONE TECNICA SUPERIORE

APPRODA ALLA CAMERA LA RIFORMA DELL’ISTRUZIONE TECNICA SUPERIORE

Gli Istituti tecnologici superiori (ITS Academy) saranno presto realtà. Chi sarà in possesso del diploma quadriennale di istruzione e formazione professionale potrà accedere a questo secondo percorso, finalizzato soprattutto all’inserimento nel mondo del lavoro. Al...

Didattica attiva: che cos’è la lezione euristica?

Didattica attiva: che cos’è la lezione euristica?

La lezione euristica è quell’approccio didattico basato sul mettere al centro del processo di apprendimento l’alunno che lavora ad una ricerca, un’indagine, dalla quale possa scaturire una scoperta, spesso estremamente empirica. Ed è tale scoperta, nata da un processo...

CONSIGLI DI ISTITUTO CONTRO LA SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE

CONSIGLI DI ISTITUTO CONTRO LA SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE

Non piace la Scuola di Alta Formazione e ora a scendere in campo contro il progetto sono interi collegi di docenti. E’ il caso degli insegnanti dell’Istituto Pesenti di Cascina (PI) – tanto per citare un esempio – che hanno preso carta e penna per fare conoscere...

30 CFU CHI LI DEVE ACQUISIRE?

30 CFU CHI LI DEVE ACQUISIRE?

Docenti precari accedono direttamente al concorso. La legge 76/2022, che contiene le nuove regole del reclutamento degli insegnanti, prevede delle misure ad hoc per i precari con 3 anni di servizio. Al comma 4 dell’articolo 5 della legge appena approvata, si legge...