SCUOLA, LA STRATEGIA DELL’IMPROVVISAZIONE

“Ci troviamo davanti a un atto di volontà politica non supportato da condizioni reali”. Le parole con le quali Francesco Sinopoli, dirigente della Cgil, ha commentato il flop dell’incontro tenutosi ieri con il ministero dell’istruzione sulla riapertura totale delle scuole, rendono bene il quadro della situazione. Sopratutto sono una conferma di quanto stiamo registrando da giorni: anche questa ultima decisione del governo – il rientro in classe del 1005 degli studenti da fine mese – è stata pensata senza un fondamento realistico rispetto alla fattibilità concreta dei provvedimenti. Perplessità sulla possibilità di poter far ritornare tutti garantendo ogni sicurezza sono state espresse fin da subito da docenti e presidi. Ieri quindi tutti gli occhi erano puntati sul confronto con i sindacati e l’esito negativo, pur non avendo rappresentato certo una sorpresa, ha aggravato lo stato di incertezza. Ma chi poteva pensare che sarebbe stata presentata chissà quale soluzione miracolosa? Non solo non sono state presentate novità rispetto alla questione delle classi pollaio o al problema dell’ultimazione della campagna di vaccinazione. E’ venuto fuori chiaramente che il protocollo sul quale ci si continua a basare è quello stesso messo a punto mesi fa, quando, per fare un esempio, la variante inglese che colpisce anche i giovanissimi, non era dominante come invece lo è oggi. Come troviamo scritto nella stampa, la verità è che la strategia resta la stessa ed è caratterizzata da improvvisazione e annunci irrealistici. Di certo dopo l’incontro ne sappiamo meno di prima. Il nuovo step è il pronunciamento del Comitato tecnico scientifico, atteso per oggi. Domani sapremo se si potrà sperare in qualche certezza in più. Intanto si parla di deroghe alle regioni sulla percentuale di studenti che potranno effettivamente rientrare in classe. Una certezza pertanto l’abbiamo: il governo si è già rimangiato quanto annunciato a gran voce circa l’univocità delle scelte su scala nazionale. Ma in pochi avevano dubbi sul fatto che sarebbe finita così.

Alberto Barelli

Articoli recenti

APPRODA ALLA CAMERA LA RIFORMA DELL’ISTRUZIONE TECNICA SUPERIORE

APPRODA ALLA CAMERA LA RIFORMA DELL’ISTRUZIONE TECNICA SUPERIORE

Gli Istituti tecnologici superiori (ITS Academy) saranno presto realtà. Chi sarà in possesso del diploma quadriennale di istruzione e formazione professionale potrà accedere a questo secondo percorso, finalizzato soprattutto all’inserimento nel mondo del lavoro. Al...

Didattica attiva: che cos’è la lezione euristica?

Didattica attiva: che cos’è la lezione euristica?

La lezione euristica è quell’approccio didattico basato sul mettere al centro del processo di apprendimento l’alunno che lavora ad una ricerca, un’indagine, dalla quale possa scaturire una scoperta, spesso estremamente empirica. Ed è tale scoperta, nata da un processo...

CONSIGLI DI ISTITUTO CONTRO LA SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE

CONSIGLI DI ISTITUTO CONTRO LA SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE

Non piace la Scuola di Alta Formazione e ora a scendere in campo contro il progetto sono interi collegi di docenti. E’ il caso degli insegnanti dell’Istituto Pesenti di Cascina (PI) – tanto per citare un esempio – che hanno preso carta e penna per fare conoscere...

30 CFU CHI LI DEVE ACQUISIRE?

30 CFU CHI LI DEVE ACQUISIRE?

Docenti precari accedono direttamente al concorso. La legge 76/2022, che contiene le nuove regole del reclutamento degli insegnanti, prevede delle misure ad hoc per i precari con 3 anni di servizio. Al comma 4 dell’articolo 5 della legge appena approvata, si legge...