100% in classe: abbiamo scherzato

Abbiamo scherzato. La decisione di tornare al 100% degli studenti in classe è rimasta in campo per pochi giorni dopodiché, come previsto anche da Noi della scuola, il governo ha fatto marcia indietro. Ministri a parte nessuno, ovviamente, ci aveva creduto. Ciò non toglie che aver tolto di mezzo una prospettiva irrealizzabile abbia fatto tirare un sospiro di sollievo in primo luogo ai poveri dirigenti scolastici, altrimenti costretti ad attrezzarsi per compiere qualche miracolo per garantire il distanziamento. A loro spetterà la decisione in merito alla percentuale dei ragazzi da far tornare in aula, che sarà stabilita certo in base all’andamento dei contagi ma anche facendo i conti con la capienza dei mezzi di trasporto e la percentuale di insegnanti vaccinati. Su questi fronti la situazione è rimasta quella di sei mesi fa e Paola Mastrocola ha potuto ben intitolare il suo intervento di oggi (La Stampa) “Macchè istruzione, è una vergogna”. Lasciamo a lui commentare l’ultimo poco brillante capitolo di un anno iniziato in Dad e che finirà allo stesso modo: “Sappiamo da un anno che il problema è la trasmissione aerea in ambienti chiusi (…) Quel che andava fatto è molto noto, e fior di ingegneri e studiosi ce lo hanno ripetuto per un anno a suon di prove e documenti. Bisognava predisporre trasporti aggiuntivi, assicurare i posti alternati, magari prevedere orari diversi per l’entrata e l’uscita da scuola. Bisognava dotare ogni aula di filtri di alta qualità per la purificazione dell’aria, o rendere possibile il ricambio d’aria tra esterno e interno con dispositivi appositi. Bisognava prevedere un piano di distanziamento adeguato (non certo il metro tra bocca e bocca, che ormai si sa essere insufficiente). Si doveva insomma operare su tre fronti: trasporti, aerazione e distanziamento. (…) L’autunno è passato, è passato anche l’inverno e ora sta quasi finendo anche la primavera. E cosa facciamo adesso? Riapriamo!”. Ma tanto era un pesce d’aprile a scoppio ritardato, come tutte le decisione relative al disgraziato sistema scolastico italiano.

Alberto Barelli

Articoli recenti

30 CFU CHI LI DEVE ACQUISIRE?

30 CFU CHI LI DEVE ACQUISIRE?

Docenti precari accedono direttamente al concorso. La legge 76/2022, che contiene le nuove regole del reclutamento degli insegnanti, prevede delle misure ad hoc per i precari con 3 anni di servizio. Al comma 4 dell’articolo 5 della legge appena approvata, si legge...

TITOLO DI LAUREA: VERSO IL RISCATTO GRATUITO PER LA PENSIONE

TITOLO DI LAUREA: VERSO IL RISCATTO GRATUITO PER LA PENSIONE

No Laurea No insegnamento. E il rischio è di vedersi sfuggire anche la possibilità di maturare con un bel anticipo la pensione. Insomma del titolo di laurea non si può più fare a meno. Con la riforma dell’accesso all’insegnamento appena approvata da Parlamento, senza...

Lo Ius Scholae diventa una proposta di Legge

Lo Ius Scholae diventa una proposta di Legge

Si sta discutendo in queste ore di una nuova legge che potrebbe cambiare la vita a più di un milioni di ragazzi: lo Ius Scholae. Questa legge permetterebbe il riconoscimento della cittadinanza italiana a un percorso scolastico per i minori che non ce l’hanno dalla...

Didattica emozionale

Didattica emozionale

Serenità, interesse, noia, accettazione, apprensione, distrazione Tutti i nostri bambini dai più piccoli ai più grandi hanno un estremo bisogno di conoscere e riconoscere le loro emozioni: cosa provo? di comprenderle: perché provo questo? ed imparare ad esprimerle in...