Scuola al 70%, l’ultima giravolta

Fonte: la Repubblica  –  22 aprile 2021

Sulla scuola, come afferma la Uil, il governo ha sbattuto la faccia contro la realtà. Dopo nove settimane e mezzo di amministrazione, all’afflato del discorso d’insediamento del premier Draghi, «la prima cosa è riportare tutti gli studenti in classe», e la rincorsa del ministro Bianchi («ma la scuola non ha mai chiuso»), i decreti legge enanati dal nuovo esecutivo hanno decretato un percorso avanti e indietro come era accaduto nei mesi precedenti. E le scelte fin qui fatte non danno ancora tranquillità ai docenti, certezze alle famiglie, possibilità di programmazione agli studenti disorientati.

Dal 26 aprile, e fino al termine dell’anno scolastico, nelle scuole superiori (secondarie di secondo grado) la presenza è così garantita: in zona rossa sarà tra il 50 e il 75 per cento, questo si sa. In zona gialla e arancione, e questa è la novità nel passaggio del decreto da bozza a testo ufficiale, si starà tra il 70 e il 100, tenendo conto dei parametri scientifici indicati da un mese. Con il giallo e l’arancione, la soglia minima di presenza in classe è risalita ma solo dal 50 al 70 per cento (non più al 100 come promesso).

Il governo ha ceduto alle pressioni delle Regioni, rinunciando al rientro in classe al 100% come sostenuto dai sindacati, ieri attaccati dall’ex ministro Gelmini. (…)

L’Associazione nazionale presidi con Antonello Giannelli sottolinea le «criticità non risolte». Pino Turi, segretario Uil scuola, dettaglia: «Non è stato fatto nulla o quasi, abbiamo investito su banchetti a rotelle e mascherine di dubbia qualità. E non si sono nemmeno spesi tutti i fondi a disposizione». Ancora: «Abbiamo il 75 per cento di personale scolastico vaccinato con differenze significative fra regioni, in alcuni territori la copertura è ancora bassa».

Intanto il ministro in carica annuncia lo stanziamento di 150 milioni totali per la sanificazione, il sottosegretario Sasso assicura che arriverà l’aria condizionata, ma per ora la si è vista solo in scuole pilota. E poi i tamponi, annunciati in vari modi (una corsia preferenziale con le Asl, staffette di Protezione civile sul territorio). Annunciati, ecco.

Abstract articolo di Corrado Zunino

Articoli recenti

STUDENTI BOCCIATI IN COMPETENZE DIGITALI

STUDENTI BOCCIATI IN COMPETENZE DIGITALI

Meno male che per i giovani studenti si parla di “nativi digitali”, perché con la testiera sembra proprio che se la cavino malino. A decretare una sonora bocciatura è Save the Children, che ha recentemente reso noto il risultato di una indagine tra gli adolescenti. Il...

Concorso scuola 2024: secondo bando in autunno

Concorso scuola 2024: secondo bando in autunno

L'attenzione di migliaia di aspiranti docenti è già rivolta al secondo concorso scuola 2024, il cui bando dovrebbe arrivare in autunno, al massimo entro ottobre.   Secondo Concorso scuola 2024: PNRR Il secondo Concorso a cattedra 2024 è, nello specifico, l’ultima...

DISCIPLINE LETTERARIE NUOVA A-12

DISCIPLINE LETTERARIE NUOVA A-12

Cos’è la classe di concorso A012 La Classe di Concorso A012 permette l’insegnamento delle discipline letterarie, all’interno delle scuole secondarie di I e II grado. La CdC A012, che accorpa le ex A-12 e A-22, è la nuova denominazione unica data...