Scuola al 70%, l’ultima giravolta

Fonte: la Repubblica  –  22 aprile 2021

Sulla scuola, come afferma la Uil, il governo ha sbattuto la faccia contro la realtà. Dopo nove settimane e mezzo di amministrazione, all’afflato del discorso d’insediamento del premier Draghi, «la prima cosa è riportare tutti gli studenti in classe», e la rincorsa del ministro Bianchi («ma la scuola non ha mai chiuso»), i decreti legge enanati dal nuovo esecutivo hanno decretato un percorso avanti e indietro come era accaduto nei mesi precedenti. E le scelte fin qui fatte non danno ancora tranquillità ai docenti, certezze alle famiglie, possibilità di programmazione agli studenti disorientati.

Dal 26 aprile, e fino al termine dell’anno scolastico, nelle scuole superiori (secondarie di secondo grado) la presenza è così garantita: in zona rossa sarà tra il 50 e il 75 per cento, questo si sa. In zona gialla e arancione, e questa è la novità nel passaggio del decreto da bozza a testo ufficiale, si starà tra il 70 e il 100, tenendo conto dei parametri scientifici indicati da un mese. Con il giallo e l’arancione, la soglia minima di presenza in classe è risalita ma solo dal 50 al 70 per cento (non più al 100 come promesso).

Il governo ha ceduto alle pressioni delle Regioni, rinunciando al rientro in classe al 100% come sostenuto dai sindacati, ieri attaccati dall’ex ministro Gelmini. (…)

L’Associazione nazionale presidi con Antonello Giannelli sottolinea le «criticità non risolte». Pino Turi, segretario Uil scuola, dettaglia: «Non è stato fatto nulla o quasi, abbiamo investito su banchetti a rotelle e mascherine di dubbia qualità. E non si sono nemmeno spesi tutti i fondi a disposizione». Ancora: «Abbiamo il 75 per cento di personale scolastico vaccinato con differenze significative fra regioni, in alcuni territori la copertura è ancora bassa».

Intanto il ministro in carica annuncia lo stanziamento di 150 milioni totali per la sanificazione, il sottosegretario Sasso assicura che arriverà l’aria condizionata, ma per ora la si è vista solo in scuole pilota. E poi i tamponi, annunciati in vari modi (una corsia preferenziale con le Asl, staffette di Protezione civile sul territorio). Annunciati, ecco.

Abstract articolo di Corrado Zunino

Articoli recenti

CONSIGLI DI ISTITUTO CONTRO LA SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE

CONSIGLI DI ISTITUTO CONTRO LA SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE

Non piace la Scuola di Alta Formazione e ora a scendere in campo contro il progetto sono interi collegi di docenti. E’ il caso degli insegnanti dell’Istituto Pesenti di Cascina (PI) – tanto per citare un esempio – che hanno preso carta e penna per fare conoscere...

30 CFU CHI LI DEVE ACQUISIRE?

30 CFU CHI LI DEVE ACQUISIRE?

Docenti precari accedono direttamente al concorso. La legge 76/2022, che contiene le nuove regole del reclutamento degli insegnanti, prevede delle misure ad hoc per i precari con 3 anni di servizio. Al comma 4 dell’articolo 5 della legge appena approvata, si legge...

TITOLO DI LAUREA: VERSO IL RISCATTO GRATUITO PER LA PENSIONE

TITOLO DI LAUREA: VERSO IL RISCATTO GRATUITO PER LA PENSIONE

No Laurea No insegnamento. E il rischio è di vedersi sfuggire anche la possibilità di maturare con un bel anticipo la pensione. Insomma del titolo di laurea non si può più fare a meno. Con la riforma dell’accesso all’insegnamento appena approvata da Parlamento, senza...

Lo Ius Scholae diventa una proposta di Legge

Lo Ius Scholae diventa una proposta di Legge

Si sta discutendo in queste ore di una nuova legge che potrebbe cambiare la vita a più di un milioni di ragazzi: lo Ius Scholae. Questa legge permetterebbe il riconoscimento della cittadinanza italiana a un percorso scolastico per i minori che non ce l’hanno dalla...