Università: dimezzate le agevolazioni agli studenti

La novità regalata dal governo all’Università dopo mesi e mesi di una pandemia che ha messo in croce le famiglie di mezzo paese? Sparita la voce «accesso gratuito all’università». Difficile crederci ma basta andare a leggere in rete le reazioni delle associazioni degli studenti per verificare che le cose stanno veramente così. Non solo. Non è stata aumentata nemmeno di un euro la soglia entro la quale si ha diritto alle agevolazioni per la retta di iscrizione. Per Link, il sindacato degli studenti, si tratta di «un passo indietro sul piano del diritto allo studio rispetto al precedente governo». In effetti la soglia di reddito familiare per poter ottenere l’esenzione era stata aumentata lo scorso anno a 20 mila euro. Una cifra considerata ancora bassa, tanto che si sperava in un aumento dell’asticella. Invece non solo il tetto è stato mantenuto invariato ma è stato dato un taglio netto ai fondi destinati alle borse di studio, passati da quasi un milione di euro a circa mezzo milione. E così per un maggiore numero di studenti la beffa sarà servita: ci riferiamo agli «idonei non beneficiari», cioè gli studenti che, pur rientrando tra gli aventi diritto, non ricevono un euro per l’esaurimento dei fondi. Un esercito che il prossimo anno ingrosserà le sue file. Ma forse non troppo, perché con queste politiche non ci sarà certo la corsa a iscriversi all’Università italiana, che confermerà di certo il suo triste primato. Quello delle rette più costose d’Europa.

Alberto Barelli

Articoli recenti

CONSIGLI DI ISTITUTO CONTRO LA SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE

CONSIGLI DI ISTITUTO CONTRO LA SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE

Non piace la Scuola di Alta Formazione e ora a scendere in campo contro il progetto sono interi collegi di docenti. E’ il caso degli insegnanti dell’Istituto Pesenti di Cascina (PI) – tanto per citare un esempio – che hanno preso carta e penna per fare conoscere...

30 CFU CHI LI DEVE ACQUISIRE?

30 CFU CHI LI DEVE ACQUISIRE?

Docenti precari accedono direttamente al concorso. La legge 76/2022, che contiene le nuove regole del reclutamento degli insegnanti, prevede delle misure ad hoc per i precari con 3 anni di servizio. Al comma 4 dell’articolo 5 della legge appena approvata, si legge...

TITOLO DI LAUREA: VERSO IL RISCATTO GRATUITO PER LA PENSIONE

TITOLO DI LAUREA: VERSO IL RISCATTO GRATUITO PER LA PENSIONE

No Laurea No insegnamento. E il rischio è di vedersi sfuggire anche la possibilità di maturare con un bel anticipo la pensione. Insomma del titolo di laurea non si può più fare a meno. Con la riforma dell’accesso all’insegnamento appena approvata da Parlamento, senza...

Lo Ius Scholae diventa una proposta di Legge

Lo Ius Scholae diventa una proposta di Legge

Si sta discutendo in queste ore di una nuova legge che potrebbe cambiare la vita a più di un milioni di ragazzi: lo Ius Scholae. Questa legge permetterebbe il riconoscimento della cittadinanza italiana a un percorso scolastico per i minori che non ce l’hanno dalla...