Nuova sanatoria in vista per i precari della scuola

Fonte: Il Sole 24 Ore –  5 maggio 2021

L’ipotesi era nell’aria ed ora è ufficiale: per evitare di ritrovarsi anche a settembre 2021 con gli stessi 200mila supplenti del 2020 (se non di più), il governo sta pensando a una nuova sanatoria di precari. La conferma della notizia è arrivata dal ministro dell’Istruzione, Patrizio Bianchi, in audizione ieri davanti alle commissioni Istruzione di Camera e Senato: «Stiamo ragionando anche con presidenza del Consiglio e Mef – ha spiegato – su come riconoscere titoli, meriti ed esperienze per far confluire queste persone e far ripartire la macchina delle assunzioni in modo stabile e continua nel tempo». Bianchi è stato chiaro: «Attenzione: abbiamo degli obblighi lasciati dai predecessori. Non ho idea di un intervento magico ne’ di qualcuno che mi dica di come fare – ha aggiunto – ci stiamo lavorando su, avendo chiare le posizioni di ognuno. Bisogna trovare soluzioni praticabili». Sul tavolo ci sarebbe un corso-concorso di un anno con assunzione nel 2022/23 a cui accedere in base ai titoli di servizio ma Bianchi non ha detto di più. Consapevole delle diverse vedute sulla stabilizzazione presenti nella sua maggioranza. L’ipotesi ha creato una disputa a colpi di tweet tra l’ex capogruppo del Pd al Senato, Andrea Marcucci, e l’ex ministra Lucia Azzolina (M5S) che ne è seguita. Con il primo che ha definito «giusto procedere verso la discontinuità dalla ministra precedente Azzolina». E la seconda che ha replicato «La vera discontinuità sarebbe sentirti parlare di scuola di qualità, di merito. Di giovani». Con una stoccata al rivale: «Di discontinuità dovresti essere esperto, sostituito da capogruppo per esser stato campione di continuità renziana». Rivale che ha a sua volta controreplicato: «Cara ex ministra, la grande difficoltà di migliaia e migliaia di insegnanti precari della scuola è riconducibile anche alla sua grave sottovalutazione. Le altre continuità le lascio alla sua fantasia”». DA parte sua nel resto del suo intervento il ministro Bianchi ha ripercorso gli interventi in materia di istruzione previsti dal Piano nazionale di rirpesa e resilienza (Pnrr): tempo pieno, menso, formazione dei prof, asili, edilizia scolastica, orientamento eccetera. Coniando anche l’espressione di diritto allo studio come «bene comune».

Abstract articolo di Redazione

Articoli recenti

STUDENTI BOCCIATI IN COMPETENZE DIGITALI

STUDENTI BOCCIATI IN COMPETENZE DIGITALI

Meno male che per i giovani studenti si parla di “nativi digitali”, perché con la testiera sembra proprio che se la cavino malino. A decretare una sonora bocciatura è Save the Children, che ha recentemente reso noto il risultato di una indagine tra gli adolescenti. Il...

Concorso scuola 2024: secondo bando in autunno

Concorso scuola 2024: secondo bando in autunno

L'attenzione di migliaia di aspiranti docenti è già rivolta al secondo concorso scuola 2024, il cui bando dovrebbe arrivare in autunno, al massimo entro ottobre.   Secondo Concorso scuola 2024: PNRR Il secondo Concorso a cattedra 2024 è, nello specifico, l’ultima...