Decreto Sostegni Bis, concorso per 4mila cattedre nelle materie Stem

Fonte: orizzontescuola.it – 19 maggio 2021

Abstract articolo di Redazione

Il Decreto Sostegni Bis prevederà un cospicuo pacchetto che riguarda il mondo dell’istruzione.

Oltre ai fondi previsti per le scuole paritarie, a quelli per l’avvio dell’anno scolastico e a quelli per il supporto psicologico, si sta lavorando per le procedure semplificate per quanto riguarda il concorso ordinario per le materie Stem, circa 4mila posti.

In rampa di lancio c’è un anticipo, con annessa semplificazione del concorso ordinario già bandito, per 4mila cattedre nelle materie Stem: secondo il Sole 24 Ore, sarebbe prevista una prova al pc e un orale da svolgere tra luglio ed agosto (per avere i vincitori in cattedra a settembre). Per farlo si punta su una norma generale sui concorsi da inserire nel provvedimento.

STEM è un acronimo che significa Science, Technology, Engineering, Mathematics (in lingua inglese), in italiano, invece, rappresentano scienza, tecnologia, ingegneria e matematica. L’acronimo si riferisce alle discipline accademiche della scienza, della tecnologia, dell’ingegneria e della matematica.

In alto mare, invece, la questione dei precari. Il ministro dell’Istruzione è a lavoro per una soluzione che preveda almeno 20mila assunzioni (soprattutto sul sostegno) con un contratto di un anno e una prova finale propedeutica all’assunzione. Si lavora alacremente per trovare una soluzione in tempi brevi, ma il tempo sta scadendo.

Articoli recenti

Scuola, arriva il docente di italiano per gli alunni stranieri

Scuola, arriva il docente di italiano per gli alunni stranieri

L'insegnante affiancherà le classi in cui il 20% degli studenti ha importanti carenze nella nostra lingua  Un docente di supporto, "adeguatamente formato", nelle classi dove gli studenti di origini straniere con importanti carenze nella lingua siano uguali o superiori...

450 MILIONI PER LA SCUOLA DAL DECRETO COESIONE

450 MILIONI PER LA SCUOLA DAL DECRETO COESIONE

Pioggia di milioni per le suole del Sud. È stato approvato nei giorni scorsi dal Parlamento il Decreto coesione, che vede confermati tutti i fondi previsti. Gli interventi riguarderanno il potenziamento delle infrastrutture, il rilancio  dell’istruzione tecnica e...