Carta docenti 500 euro: scadenza il 30 giugno e una il 31 agosto

Fonte: orizzontescuola.it – 26 maggio 2021

Abstract articolo di Antonio Marchetta

La carta del docente permette di generare dei buoni d’acquisto – per un totale di 500 euro – utili alla formazione ed aggiornamento degli insegnanti di ruolo; possibile acquistare libri, software, frequentare corsi online etc. In tempi di pandemia, dall’11 marzo dello scorso anno 2020 il Ministero ha consentito l’acquisto di ulteriori dispositivi utili al potenziamento della didattica a distanza, ma per quest’ultimi, il tempo stringe.

La carta del docente, o bonus docenti, viene assegnata:

agli insegnanti di ruolo a tempo indeterminato delle scuole statali;

ai docenti che sono in periodo di prova;

ai docenti inidonei per motivi di salute in base all’articolo 514 del Dlgs 297/1994;

ai docenti in posizione di comando, distacco, fuori ruolo.

La carta docenti non va richiesta ma viene assegnata in automatico a tutti i docenti sopra elencati. Per poterne fruire è necessario registrarsi al portale cartadedocente.istruzione.it. con credenziali SPID necessarie, poi, anche per creare gli eventuali buoni da spendere.

Sono esclusi i docenti a tempo determinato. I supplenti possono usare in comodato d’uso dispositivi per la didattica da remoto, purché vi sia effettivo bisogno.

I 500 euro – come ogni anno – sono spendibili per:

corsi di aggiornamento;

acquisto di libri, pubblicazioni e riviste;

corsi online purché svolti dagli enti accreditati o qualificati Miur;

biglietti per eventi culturali;

corsi di laurea e master, corsi per lo studio di lingue straniere all’estero.

Per tutti questi acquisti il bonus dell’anno scolastico 2020/21 rimane spendibile come sempre, cioè entro il 31 agosto 2022. Ciò perché la validità è di due anni scolastici; ne consegue che il bonus dell’anno scolastico 2019/20, scadrà tra pochi mesi: il 31 agosto 2021.

La scadenza 30 giugno 2021 e l’acquisto di altri prodotti per la DAD

Carta docente bonus 500 euro: in seguito alla proroga da parte del Ministero dell’istruzione è possibile, fino al 30 giugno 2021, l’acquisto di alcuni hardware utili per la didattica a distanza.

Articoli recenti

LA DENUNCIA DEI PRESIDI: TROPPE SCUOLE AL FREDDO

LA DENUNCIA DEI PRESIDI: TROPPE SCUOLE AL FREDDO

Si surriscalda la polemica attorno alle scuole e, in questo caso, verrebbe da dire bene. Il problema, infatti, è proprio la temperatura troppo fredda che rende difficile per molti studenti studiare in condizioni normali. Stando alla denuncia del presidente...

“Se si è imparato ad imparare si è fatti per imparare”

“Se si è imparato ad imparare si è fatti per imparare”

Perché non sviluppare strategie metacognitive già dalla scuola primaria? “La caratteristica peculiare dell’Università consiste nell’insegnare a studiare. La laurea è solo la prova che si sa studiare, che si sa acquisire formazione da se stessi e che ci si è trovati...

RIDIMENSIONAMENTO SCOLASTICO, E’ SCONTRO TRA GOVERNO E SINDACATI

RIDIMENSIONAMENTO SCOLASTICO, E’ SCONTRO TRA GOVERNO E SINDACATI

Non è vero che la matematica non sia un opinione. Ce lo insegna la polemica innescatasi in questi giorni sul piano di ridimensionamento scolastico. E a tremare è anche il principio che 2 più 2 faccia quattro. Non nel senso che non sia vero, ma che può essere...