Scuola, dai trasporti a nuovi spazi per classi: i temi per il nuovo anno

Fonte: SkyTg24 – 26 maggio 2021

Abstract articolo di Redazione

L’anno scolastico sta per finire, ma già si pensa a tanti temi da affrontare in vista della ripartenza di settembre, per permettere a tutti gli studenti di tornare in aula in presenza e in sicurezza dopo le chiusure e le restrizioni per l’emergenza corona-virus.

Covid, Costa: possibile vaccini studenti a settembre

Uno dei temi è quello dei trasporti. Nelle scorse ore, proprio in vista del nuovo anno scolastico, si è tenuto un incontro governo-Regioni-Anci (Comuni)-Upi (Province) sul trasporto pubblico locale. Presenti i ministri degli Affari regionali Mariastella Gelmini, dell’Istruzione Patrizio Bianchi, dei Trasporti Enrico Giovannini, delle Pari opportunità Elena Bonetti, delle Politiche giovanili Fabiana Dadone, dell’Interno Luciana Lamorgese

La necessità è quella di rafforzare il trasporto pubblico locale (tpl). Una delle ipotesi ventilate dal governo per l’inizio del prossimo anno scolastico, proprio per non sovraccaricare i trasporti locali, è quella di destinare degli scuolabus solo agli studenti delle scuole superiori. Uno strumento che potrebbe essere aggiuntivo al servizio trasporti locale. Una soluzione, però, che sembra difficile a causa della carenza di mezzi da destinare al trasporto esclusivo dei ragazzi

Decreto Sostegni bis, tutte le misure che riguardano scuola e docenti

L’invito alle Regioni da parte del governo è quello di far sì che il “mobility manager” – figura prevista per legge dal 1998, rafforzata nel 2020 con il Decreto Rilancio e resa obbligatoria per aziende sopra i 100 dipendenti con il recente decreto – sia investito in prima persona della questione. Anche le scuole però dovranno dotarsi di un “mobility manager”

In caso di didattica in presenza per tutti, comunque, resterebbe il problema degli spazi nelle aule. Più probabile, quindi, una revisione delle regole per il riempimento dei mezzi pubblici e sulla distanza in classe

La percentuale di capienza all’interno dei mezzi pubblici sarà valutata dal Comitato tecnico scientifico entro la metà di luglio e potrebbe essere superato il criterio del 50% di presenza qualora si arrivasse a trovare mezzi aggiuntivi destinati solo agli studenti

Articoli recenti

LA DENUNCIA DEI PRESIDI: TROPPE SCUOLE AL FREDDO

LA DENUNCIA DEI PRESIDI: TROPPE SCUOLE AL FREDDO

Si surriscalda la polemica attorno alle scuole e, in questo caso, verrebbe da dire bene. Il problema, infatti, è proprio la temperatura troppo fredda che rende difficile per molti studenti studiare in condizioni normali. Stando alla denuncia del presidente...

“Se si è imparato ad imparare si è fatti per imparare”

“Se si è imparato ad imparare si è fatti per imparare”

Perché non sviluppare strategie metacognitive già dalla scuola primaria? “La caratteristica peculiare dell’Università consiste nell’insegnare a studiare. La laurea è solo la prova che si sa studiare, che si sa acquisire formazione da se stessi e che ci si è trovati...

RIDIMENSIONAMENTO SCOLASTICO, E’ SCONTRO TRA GOVERNO E SINDACATI

RIDIMENSIONAMENTO SCOLASTICO, E’ SCONTRO TRA GOVERNO E SINDACATI

Non è vero che la matematica non sia un opinione. Ce lo insegna la polemica innescatasi in questi giorni sul piano di ridimensionamento scolastico. E a tremare è anche il principio che 2 più 2 faccia quattro. Non nel senso che non sia vero, ma che può essere...