Dossier Ministero dell’Istruzione sulla dispersione scolastica

Fonte: Il Sole 24 Ore – 7 giugno 2021

Abstract articolo di Luigi Rovelli

Come si legge nell’introduzione del documento, il focus riporta i dati relativi alla dispersione scolastica per l’anno scolastico 2017/2018 e il passaggio all’anno scolastico 2018/2019 e per l’anno scolastico 2018/2019 e quello all’anno scolastico 2019/2020.

Relativamente all’ultimo biennio considerato vengono messi a confronto gli alunni frequentanti l’intero anno scolastico 2018/2019 con gli alunni presenti a scuola all’avvio dell’anno scolastico 2019/2020.

Pertanto, i dati presenti nel focus non permettono di valutare l’impatto delle interruzioni didattiche in presenza avvenute, a seguito della pandemia, nel corso del II quadrimestre dell’anno scolastico 2019/2020.

I dati relativi alla dispersione scolastica, presenti nel focus, sono calcolati sulla base dei numeri dell’Anagrafe Nazionale degli Studenti (ANS), che ogni anno diventa sempre più consistente ed accurata nella mappatura degli alunni frequentanti il sistema scolastico italiano.

Analogamente a quanto riportato nei precedenti focus, l’abbandono del sistema scolastico e formativo viene fotografato distintamente per la scuola secondaria di I grado, il passaggio tra cicli scolastici e la scuola secondaria di II grado.

Nel primo paragrafo sono descritti i “tasselli della dispersione” che congiuntamente formano l’insieme degli alunni che escono dal sistema scolastico e formativo e sono rappresentati, per ciascun ordine di scuola, dall’abbandono che avviene nel corso dell’anno scolastico e dall’abbandono registrato nel passaggio tra un anno scolastico e il successivo.

Il secondo paragrafo riporta dati relativi all’abbandono registrato nell’anno scolastico 2017/2018 e nel passaggio all’anno scolastico 2018/2019, mentre il terzo paragrafo si focalizza sull’abbandono registrato nell’anno scolastico 2018/2019 e nel passaggio all’anno scolastico 2019/2020.

Sono presenti dati sulla dispersione per genere, anno di corso, area geografica e regione; per il secondo biennio considerato sono riportati, inoltre, dati relativi a gestione della scuola, età, regolarità del percorso di studi, cittadinanza degli alunni ed indirizzo di studio nello specifico della scuola secondaria di II grado.

Nel quarto paragrafo viene ricostruito l’andamento in serie storica sugli ultimi 5 anni, che evidenzia una dinamica di progressiva decrescita della dispersione scolastica.

Tale diminuzione è, tuttavia, parzialmente dovuta alla crescente completezza e consistenza dell’Anagrafe Nazionale degli Studenti che permette di monitorare con maggior precisione il percorso di studio degli alunni, le uscite motivate dal sistema scolastico, quali trasferimento in scuola non paritaria, trasferimento all’estero, passaggio a percorsi regionali di Istruzione e Formazione Professionale (IeFP), a percorsi di primo livello presso Centri Provinciali per l’Istruzione degli Adulti (CPIA) e a percorsi di istruzione di secondo livello presso istituzioni scolastiche di II grado.

Articoli recenti

30 CFU CHI LI DEVE ACQUISIRE?

30 CFU CHI LI DEVE ACQUISIRE?

Docenti precari accedono direttamente al concorso. La legge 76/2022, che contiene le nuove regole del reclutamento degli insegnanti, prevede delle misure ad hoc per i precari con 3 anni di servizio. Al comma 4 dell’articolo 5 della legge appena approvata, si legge...

TITOLO DI LAUREA: VERSO IL RISCATTO GRATUITO PER LA PENSIONE

TITOLO DI LAUREA: VERSO IL RISCATTO GRATUITO PER LA PENSIONE

No Laurea No insegnamento. E il rischio è di vedersi sfuggire anche la possibilità di maturare con un bel anticipo la pensione. Insomma del titolo di laurea non si può più fare a meno. Con la riforma dell’accesso all’insegnamento appena approvata da Parlamento, senza...

Lo Ius Scholae diventa una proposta di Legge

Lo Ius Scholae diventa una proposta di Legge

Si sta discutendo in queste ore di una nuova legge che potrebbe cambiare la vita a più di un milioni di ragazzi: lo Ius Scholae. Questa legge permetterebbe il riconoscimento della cittadinanza italiana a un percorso scolastico per i minori che non ce l’hanno dalla...

Didattica emozionale

Didattica emozionale

Serenità, interesse, noia, accettazione, apprensione, distrazione Tutti i nostri bambini dai più piccoli ai più grandi hanno un estremo bisogno di conoscere e riconoscere le loro emozioni: cosa provo? di comprenderle: perché provo questo? ed imparare ad esprimerle in...