Insegnanti non vaccinati: se duecentomila vi sembran pochi

Mancano oltre duecentomila insegnati all’appello della vaccinazione anti-Covid. E non è la sola brutta notizia che fa intravedere un rientro a scuola pieno zeppo di problemi e criticità.

Imperversano infatti le polemiche sulle classi pollaio e sulla proposta di classi per vaccinati, sulla Dad e addirittura anche attorno all’aula di sostegno si sta scatenando la diatriba tra favorevoli e contrari.

Che la situazione sia seria lo dimostra l’appello lanciato dall’associazione dei presidi, preoccupata innanzitutto per l’incertezza in merito alle misure anti-Covid. Parla chiaro il titolo di Tg5.com:

“Vaccini, è già caos sul rientro a scuola”

C’è veramente poco da aggiungere. A poche settimane dall’apertura del nuovo anno questo non è il solo motivo di preoccupazione in fatto di emergenza sanitaria. Per parlare chiaro, non ci sembra proprio un bello spettacolo lo scambio di dichiarazione tra il ministro dell’istruzione Bianchi e i vertici del Comitato tecnico scientifico.

“Chiederemo una precisazione al Cts. Lavoriamo per una scuola in presenza, senza se e senza ma”

ha dichiarato Bianchi. Al di là del merito, il tutto è poco rassicurante.

La questione vera è una: possibile che in un frangente del genere non si sia riusciti a instaurare un clima di tranquillità, per dare un segnale di incoraggiamento al mondo della scuola e all’intero paese? Il brutto segnale dell’esito disastroso del Concorso delle materie scientifiche diventa così lo specchio dei tempi. La scuola continua a essere imbrigliata dalle complicate procedure burocratiche, delle quali la cervellotica prova d’esame con la quale si sono dovuti misurare gli aspiranti docenti è la perfetta testimonianza.

Il risultato è che stiamo assistendo a una marea di bocciature, che daranno il via a una valanga di ricorsi. Ma a essere bocciata è la politica scolastica, a partire dalla gestione dei vaccini.

Direttore Dott. Alberto Barelli

Articoli recenti

450 MILIONI PER LA SCUOLA DAL DECRETO COESIONE

450 MILIONI PER LA SCUOLA DAL DECRETO COESIONE

Pioggia di milioni per le suole del Sud. È stato approvato nei giorni scorsi dal Parlamento il Decreto coesione, che vede confermati tutti i fondi previsti. Gli interventi riguarderanno il potenziamento delle infrastrutture, il rilancio  dell’istruzione tecnica e...