SCUOLA: LAVORARE PER UN RIENTRO IN CLASSE ALL’INSEGNA DELLA NORMALITÀ

Il 6 settembre suonerà per gli alunni della provincia di Bolzano la prima campanella del nuovo anno scolastico. Seguiranno quindi le altre regioni, in base al calendario diffuso ieri. Prendiamo la comunicazione delle date di inizio dell’anno scolastico come un segnale di normalità.

Nonostante l’aumento dei contagi, dovuto alla diffusione della variante Delta del Covid, tutto fa pensare che si potrà ripartire con le lezioni in presenza. Dovrebbe essere archiviato quindi il lunghissimo anno di interruzione della didattica in classe e dad.

NESSUN OBBLIGO DI VACCINAZIONE

Il dato positivo che emerge da queste ore convulse, in cui si è al lavoro per definire il piano scuola, è appunto che non ci sono motivi per pensare a provvedimenti straordinari, che potrebbero mettere in forse il regolare svolgimento dell’attività scolastica.

A conferma che non ci si trova di fronte a una situazione di emergenza è la decisione che non sarà introdotto l’obbligo di vaccinazione per gli insegnanti. Questa almeno è l’indicazione trapelata nelle ultime ore e non si tratta di una questione di poco conto.

L’obbligo di vaccinazione avrebbe comportato infatti un motivo di polemica e contrasti infini, quando invece di tutto abbiamo bisogno meno che di un clima di scontro.

INCONTRO GOVERNO-REGIONI

Ora l’appuntamento cruciale è costituito dall’incontro tra il Governo e le Regioni, in occasione del quale saranno illustrati i provvedimenti definitivi. I problemi sul tappeto non sono pochi e gli amministratori locali potranno avere più di un motivo per essere critici rispetto alle decisioni prese o per le risposte non date. L’augurio che possiamo auspicare è che comunque prevalga l’impegno a seguire in tutto il paese un’unica linea.

I segnali contrari già ci sono.

Dopo la decisione presa da alcuni istituti della Campania, con la quale è stato introdotto l’obbligo del green pass per entrare a scuola, solo ieri è stata la regione Sicilia ad adottare un provvedimento con il quale è stato stabilito che si entrerà in classe solo con la mascherina.

Affermare il principio che, salvo situazioni particolari, in tutto il territorio per la scuola dovranno essere seguite le stesse indicazioni sarebbe anche un buon insegnamento per studenti e insegnanti.

Direttore Dott. Alberto Barelli

Articoli recenti

APPRODA ALLA CAMERA LA RIFORMA DELL’ISTRUZIONE TECNICA SUPERIORE

APPRODA ALLA CAMERA LA RIFORMA DELL’ISTRUZIONE TECNICA SUPERIORE

Gli Istituti tecnologici superiori (ITS Academy) saranno presto realtà. Chi sarà in possesso del diploma quadriennale di istruzione e formazione professionale potrà accedere a questo secondo percorso, finalizzato soprattutto all’inserimento nel mondo del lavoro. Al...

Didattica attiva: che cos’è la lezione euristica?

Didattica attiva: che cos’è la lezione euristica?

La lezione euristica è quell’approccio didattico basato sul mettere al centro del processo di apprendimento l’alunno che lavora ad una ricerca, un’indagine, dalla quale possa scaturire una scoperta, spesso estremamente empirica. Ed è tale scoperta, nata da un processo...

CONSIGLI DI ISTITUTO CONTRO LA SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE

CONSIGLI DI ISTITUTO CONTRO LA SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE

Non piace la Scuola di Alta Formazione e ora a scendere in campo contro il progetto sono interi collegi di docenti. E’ il caso degli insegnanti dell’Istituto Pesenti di Cascina (PI) – tanto per citare un esempio – che hanno preso carta e penna per fare conoscere...

30 CFU CHI LI DEVE ACQUISIRE?

30 CFU CHI LI DEVE ACQUISIRE?

Docenti precari accedono direttamente al concorso. La legge 76/2022, che contiene le nuove regole del reclutamento degli insegnanti, prevede delle misure ad hoc per i precari con 3 anni di servizio. Al comma 4 dell’articolo 5 della legge appena approvata, si legge...