PUBBLICATO DECRETO LEGGE N.111 SULLE MISURE PER IL RIENTRO A SCUOLA.

Pubblicato il 6 agosto 2021 il decreto-legge n. 111 “Misure urgenti per l’esercizio in sicurezza delle attività scolastiche, universitarie, sociali e in materia di trasporti”: prevede che nell’anno scolastico 2021/2022 l’attività scolastica e didattica della scuola dell’infanzia, della scuola primaria e della secondaria di primo e secondo grado dovrà essere svolta in presenza. La misura è derogabile con provvedimenti dei Presidenti delle Regioni e delle Province autonome esclusivamente nelle zone arancioni e rosse, solo in circostanze di eccezionale e straordinaria necessità e per singole istituzioni scolastiche o per quelle presenti in specifiche aree territoriali. Il confine della deroga, dunque, risulta essere ben delineato.

Dove le condizioni strutturali degli edifici non consentano il distanziamento di un metro, obbligo di mascherina con eccezione solo di bambini al di sotto di 6 anni e persone con patologie incompatibili con l’uso della mascherina.

Nessun accesso a scuola con temperatura corporea superiore ai 37,5°.

Tutto il personale scolastico dovrà possedere il Green pass, che costituisce requisito essenziale per lo svolgimento delle prestazioni lavorative. Il mancato rispetto del requisito è considerato assenza ingiustificata e a decorrere dal quinto giorno di assenza il rapporto di lavoro è sospeso e non sono dovuti la retribuzione né altro compenso. Questa disposizione non si applica al personale che, per motivi di salute, è esente dalla campagna vaccinale secondo i criteri indicati dal Ministero della Salute. I lavoratori fragili sono tutelati. Il Green pass non è previsto per studenti e studentesse.

Green pass anche per il personale che somministra i pasti e mascherina obbligatoria anche per questi collaboratori.

Le scuole riceveranno un apposito Piano operativo predisposto dal Ministero, approvato in Conferenza Unificata, insieme ad un Protocollo di sicurezza dedicato al settore scolastico. Somministrazione dei pasti, cura degli ambienti, la conferma della figura del referente Covid, le regole relative all’educazione fisica, all’utilizzo delle palestre, alle assemblee studentesche, a studentesse e studenti con disabilità sono alcuni dei temi toccati dal Piano che consente alle scuole di organizzare le loro attività per il prossimo anno e tiene conto delle indicazioni del Comitato tecnico scientifico dello scorso 12 luglio.

Dott.ssa Ilaria Montenegri

Articoli recenti

Calano gli iscritti al liceo classico.

Calano gli iscritti al liceo classico.

Il commmento di Gramellini: «Il classico non ti spiega come funziona il mondo, ma ti abitua a chiederti perché» Si sono chiuse le iscrizioni per l'anno scolastico 2023/2024 e il Ministero ha comunicato i risultati delle scelte.  I licei continuano a essere la scelta...

Insegnante di Matematica cercasi: non si trova nemmeno da MAD

Insegnante di Matematica cercasi: non si trova nemmeno da MAD

Insegnante di Matematica cercasi: non si trovano supplenti per questa posizione, nemmeno dalle domande di Messa a Disposizione. Le scuole cercano insegnanti di Matematica… Non è certo una novità: la Classe di Concorso alla quale conferisce accesso la Laurea...

Carta del docente estesa agli educatori ma non ai precari

Carta del docente estesa agli educatori ma non ai precari

Nessuno spiraglio per i precari, ma apertura agli educatori per la carta del docente che potrebbe essere estesa non solo agli insegnanti di ruolo. Stando infatti a quanto stabilito dalla sentenza della Cassazione Civile, numero 32104/22, il bonus di 500 euro...