GREEN PASS, ABBIAMO SCHERZATO: NESSUN CONTROLLO DEI PRESIDI

Abbiamo scherzato:

i controlli del possesso del Green pass da parte degli insegnanti non spetterà ai presidi. Il provvedimento, che ancora ieri ha continuato a scatenare le proteste e gli strali dei dirigenti scolastici, è stato sconfessato in ventiquattro ore.

Quindi niente più presidi-vigilantes, per la felicità non solo dei diretti interessati ma di tutto il mondo scolastico.

Archiviato l’ennesimo infelice capitolo, restano le perplessità per una decisione assurda e impraticabile. E soprattutto un interrogativo: non si poteva ragionare un po’ di più sulla opportunità di una tale ipotesi, e pensarci due volte prima di procedere?

Diciamolo chiaramente:

si è trattato di una brutta figura, alla quale si è esposto in primo luogo lo stesso ministro dell’istruzione Bianchi. Al di là del merito della questione, l’aspetto grave è che per giorni l’attenzione è stata dirottata su quella che si è rivelata una farsa. Come se non ci fosse l’esigenza di concentrarsi sui tanti problemi ancora da risolvere, in vista dell’ormai imminente apertura dell’anno scolastico.

Comunque è bene quello che finisce bene. Ma a rendere amara la vicenda è il motivo che sta dietro al dietrofront. E cioè la violazione della normativa sulla privacy, sulla quale sarebbero incorsi i presidi rregistrando i dati. Inoltre era stato fatto notare che sul Green pass non è riportata la data di scadenza. Una cosetta non da poco.

La soluzione tirata fuori dal cilindro sempre ieri è stata la decisione che verrà stabilita la durata di dodici mesi della validità del ‘passaporto’ verde. In questo caso è proprio vero che non tutto il male viene per nuocere. Ma anche a questo non ci si poteva pensare prima? L’esercito di consulenti, tecnici, esperti che ingrossano gli apparati ministeriali e dei vari organismi evidentemente si devono pur inventare qualche complicazione, per avere qualche cosa di cui occuparsi. Dobbiamo rassegnarci al fatto che vale anche nell’era Covid.

Direttore Dott. Alberto Barelli

Articoli recenti

Calano gli iscritti al liceo classico.

Calano gli iscritti al liceo classico.

Il commmento di Gramellini: «Il classico non ti spiega come funziona il mondo, ma ti abitua a chiederti perché» Si sono chiuse le iscrizioni per l'anno scolastico 2023/2024 e il Ministero ha comunicato i risultati delle scelte.  I licei continuano a essere la scelta...

Insegnante di Matematica cercasi: non si trova nemmeno da MAD

Insegnante di Matematica cercasi: non si trova nemmeno da MAD

Insegnante di Matematica cercasi: non si trovano supplenti per questa posizione, nemmeno dalle domande di Messa a Disposizione. Le scuole cercano insegnanti di Matematica… Non è certo una novità: la Classe di Concorso alla quale conferisce accesso la Laurea...

Carta del docente estesa agli educatori ma non ai precari

Carta del docente estesa agli educatori ma non ai precari

Nessuno spiraglio per i precari, ma apertura agli educatori per la carta del docente che potrebbe essere estesa non solo agli insegnanti di ruolo. Stando infatti a quanto stabilito dalla sentenza della Cassazione Civile, numero 32104/22, il bonus di 500 euro...