Bianchi alla Camera conferma l’obbligo di Green pass per gli insegnanti e l’uso delle mascherine. “Scuole sentinella” per monitorare la pandemia

“Tutti i docenti in cattedra al primo giorno. Mai successo nella storia dell’Italia. Era un impegno che avevamo preso con le famiglie e ci siamo riusciti”. Sono le parole con le quali il ministro dell’istruzione Patrizio Bianchi ha esordito in occasione dell’audizione tenutasi oggi alla Camera.

Come era stato annunciato, è stato confermato l’obbligo del Green pass, mentre è slittata la sospensione dell’uso delle mascherine.

I DATI DELLA SITUAZIONE

A pochi giorni dall’inizio del nuovo anno intanto si riflette sui dati relativi ai vaccini e alle cattedre. A fornire una panoramica sono stati congiuntamente lo stesso presidente del consiglio Mario Draghi, il ministro degli affari Regionali e le Autonome, Mariastella Gelmini, il Ministro della Salute Roberto Speranza, il ministro delle infrastrutture Enrico Giovannini e il ministro dell’istruzione Bianchi.

Rispetto alla questione scuola e pandemia la situazione è per il ministro rassicurante: tutte le 8500 scuole della nostra penisola hanno riaperto e da luglio si lavora per il rientro in sicurezza e per il recupero degli apprendimenti.

Sono stati finanziati 32.500 progetti, recuperando 1 milione e 650 mila ore di apprendimenti.

Il 91,5% del personale scolastico è vaccinato, mentre è del 67% la percentuale degli studenti e studentesse nella fascia 16-19 anni e oltre del 40% nella fascia 12-15 anni. Per gli alunni e alunne nella fascia di età 6-13 anni è prevista una campagna di screening.

Ma veniamo alle immissioni in ruolo: mediante concorso sono stati assunti 58 mila e 300 insegnanti, di cui quasi 14 mila per il sostegno.

Riguardo al personale ATA le assunzioni sono 8 mila e 630 e inoltre sono stati assunti 450 dirigenti scolastici.

Il ministro Bianchi ha sottolineato che sono previsti i concorsi per l’anno prossimo 2022 e che si è deciso di indire i concorsi ogni anno, per garantire la presenza del personale in base a un progetto che arriva al 2030.

Tutte le scuole hanno ricevuto il rapporto  “Indicazioni strategiche ad interim per la prevenzione e il controllo delle infezioni da SARS-CoV-2 in ambito scolastico (a.s. 2021-2022)” contenente le indicazioni da tenere per la prevenzione della pandemia ed inoltre si è proceduto alla definizione in stretta collaborazione con le Regioni del “Piano di monitoraggio della circolazione di SARS-COV-2” destinato alla scuola primaria e secondaria di primo grado, al fine di sorvegliare, attraverso una “rete di scuole sentinella”, la diffusione del virus in ambito scolastico anche in soggetti asintomatici.

Il piano prevede test molecolari salivari condotti, su base volontaria, su alunni nella fascia di età 6-14 anni delle scuole primarie e secondarie di primo grado presenti sul territorio nazionale.

Le “scuole sentinella” saranno indicate dalle autorità sanitarie regionali in collaborazione con gli uffici scolastici.

Dott.ssa Ilaria Montenegri

Articoli recenti

Lo Ius Scholae diventa una proposta di Legge

Lo Ius Scholae diventa una proposta di Legge

Si sta discutendo in queste ore di una nuova legge che potrebbe cambiare la vita a più di un milioni di ragazzi: lo Ius Scholae. Questa legge permetterebbe il riconoscimento della cittadinanza italiana a un percorso scolastico per i minori che non ce l’hanno dalla...

Didattica emozionale

Didattica emozionale

Serenità, interesse, noia, accettazione, apprensione, distrazione Tutti i nostri bambini dai più piccoli ai più grandi hanno un estremo bisogno di conoscere e riconoscere le loro emozioni: cosa provo? di comprenderle: perché provo questo? ed imparare ad esprimerle in...

Religione Cattolica o attività alternativa?

Religione Cattolica o attività alternativa?

La scelta fino al 30 giugno Al momento dell’iscrizione ogni genitore ha la possibilità di scegliere se avvalersi oppure no dell’insegnamento della Religione Cattolica. La scelta è valida per l’intero ciclo di scuola, fermo restando il diritto per i genitori di poterla...

IL FLOP DELLE SCUOLE APERTE D’ESTATE

IL FLOP DELLE SCUOLE APERTE D’ESTATE

Dal Ministero dell’istruzione un sostanzioso contributo contro la siccità: il piano dell’apertura delle scuole d’estate fa infatti acqua da tutte le parti. Ma in verità il problema è serio e c’è poco da scherzare. Veniamo allora al triste quadro che, per la buona pace...