Anno di prova e formazione per i nuovi assunti con procedura ordinaria: modalità di svolgimento

Coloro che supereranno le prove dei nuovi concorsi ordinari saranno chiamati a sostenere un anno di prova e formazione.

Il Ministero dell’istruzione ha richiesto il parere del CSPI (Consiglio Superiore della pubblica Istruzione), il decreto recante misure in merito allo svolgimento dell’anno di prova previsto per i neo-assunti tramite concorso di cui all’art. 59, comma 12 del D.L. 73/2021, convertito in L. 106/2021.

Tale provvedimento si applica al personale che risulterà assunto a seguito del superamento delle prove concorsuali ordinarie, secondo le procedure del predetto Decreto legge convertito.

Come si svolgerà l’anno di prova?

Il periodo di prova ha la funzione di verificare le competenze professionali del docente, osservando l’azione didattica svolta, attività preordiante e strumentali e nell’ambito delle dinamiche organizzative dell’istituzione scolastica.

Il personale docente, assunto secondo le modalità dell’art.59 supra, è tenuto a svolgere il periodo di prova:

  • al primo anno di servizio con incarico a tempo indeterminato;
  • richiesta di proroga del periodo di formazione e prova o di impossibilità a completarlo negli anni precedenti.

La ripetizione del periodo di prova comporta la partecipazione ad attività connesse alle attività di formazione, da considerarsi integrazione del servizio in anno di prova.

Se l’esito della valutazione fosse negativo, il personale docente effettua un secondo periodo di prova e di formazione che non può essere però rinnovato.

Quali requisiti vengono verificati nel periodo di formazione?

  • il possesso ed esercizio delle competenze con riferimento ai nuclei fondanti dei saperi e ai traguardi di competenza ed obiettivi di apprendimento previsti dagli ordinamenti vigenti;
  • possesso ed esercizio delle competenze relazionali, organizzative e gestionali;
  • possesso ed esercizio delle competenze di orientamento e di ricerca, documentazione e valutazione;
  • osservanza dei doveri connessi con lo status di dipendente pubblico e inerenti la funzione docente;
  • partecipazione alle attività formative e raggiungimento degli obiettivi dalle stesse previsti.

Il docente neo-assunto traccia un primo bilancio di competenze, in forma di autovalutazione strutturata, con la collaborazione del docente tutor e cura la predisposizione di un proprio portfolio professionale, in formato digitale.

Dott.ssa Chiara Pasqui

Articoli recenti

CONSIGLI DI ISTITUTO CONTRO LA SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE

CONSIGLI DI ISTITUTO CONTRO LA SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE

Non piace la Scuola di Alta Formazione e ora a scendere in campo contro il progetto sono interi collegi di docenti. E’ il caso degli insegnanti dell’Istituto Pesenti di Cascina (PI) – tanto per citare un esempio – che hanno preso carta e penna per fare conoscere...

30 CFU CHI LI DEVE ACQUISIRE?

30 CFU CHI LI DEVE ACQUISIRE?

Docenti precari accedono direttamente al concorso. La legge 76/2022, che contiene le nuove regole del reclutamento degli insegnanti, prevede delle misure ad hoc per i precari con 3 anni di servizio. Al comma 4 dell’articolo 5 della legge appena approvata, si legge...

TITOLO DI LAUREA: VERSO IL RISCATTO GRATUITO PER LA PENSIONE

TITOLO DI LAUREA: VERSO IL RISCATTO GRATUITO PER LA PENSIONE

No Laurea No insegnamento. E il rischio è di vedersi sfuggire anche la possibilità di maturare con un bel anticipo la pensione. Insomma del titolo di laurea non si può più fare a meno. Con la riforma dell’accesso all’insegnamento appena approvata da Parlamento, senza...

Lo Ius Scholae diventa una proposta di Legge

Lo Ius Scholae diventa una proposta di Legge

Si sta discutendo in queste ore di una nuova legge che potrebbe cambiare la vita a più di un milioni di ragazzi: lo Ius Scholae. Questa legge permetterebbe il riconoscimento della cittadinanza italiana a un percorso scolastico per i minori che non ce l’hanno dalla...