Iscrizione a due corsi di laurea: addio al divieto

Divieto di essere iscritti a due corsi di laurea addio. E per il mondo della formazione si apre (finalmente) una nuova era.

Con l’approvazione del disegno di legge da parte della Camera dei deputati questa settimana è stato segnato il passo decisivo verso la cancellazione di un divieto sempre più obsoleto. Si tratta ora soltanto di attendere la conclusione dell’intero iter e, conoscendo la macchinosità della macchina italiana, sappiamo bene come ci vorranno ancora dei mesi.

Ma già dal nuovo anno per migliaia di studenti si potrà aprire la possibilità di accrescere in tempi ragionevoli il proprio bagaglio formativo, in un’epoca in cui acquisire nuove competenze e specializzazioni è fondamentale.

A testimoniare di come si tratti di un provvedimento non più procrastinabile, è il fatto che il disegno di legge sia stato approvato all’unanimità. Si tratterà a questo punto di attendere la visione del testo di legge definitivo una volta arrivati al suo licenziamento.

La strada è comunque segnata, perché si possa aprire la possibilità di potersi iscrivere per esempio a un master di specializzazione durante il corso di laurea ma anche a due master contemporaneamente.

Nel momento in cui il sistema della formazione è basato sui requisiti ottenuti attraverso certificazioni e soprattutto sul punteggio, il divieto di poter conseguire titoli per accrescere il curriculum andava contro la realtà.

Non a caso il divieto risale ai primi decenni del secolo scorso, quando la carriera formativa aveva tempi ben più lenti.

Soddisfazione è stata espressa dal ministro dell’Università e della Ricerca, Maria Cristina Messa, per la quale si tratta di:

“un grande risultato che consente al nostro Paese di fare un salto verso il futuro della formazione universitaria, in linea con il resto del mondo. Un risultato a portata di mano grazie alla determinazione e al lavoro che stiamo portando avanti con il Parlamento che da tempo ha messo al centro questi temi”.

Direttore Dott. Alberto Barelli

Articoli recenti

Legge 104: come cambia la normativa da agosto 2022

Legge 104: come cambia la normativa da agosto 2022

Cambia la normativa legata ai permessi della Legge 104 e al congedo straordinario. Lo scorso 5 agosto, l’INPS ha pubblicato un messaggio in cui informa della pubblicazione del decreto legislativo del 30 giugno 2022, n. 105, sull’attuazione della direttiva (UE)...

ELEZIONI, SULLA SCUOLA BALLETTO DI PROMESSE

ELEZIONI, SULLA SCUOLA BALLETTO DI PROMESSE

E’ una gara a chi fa le promesse più grandi sulla scuola questa calda e generosa come non mai campagna elettorale. Intanto però gli istituti non possono contare sul personale amministrativo sufficiente per riuscire a disbrigare le pratiche per ottenere quei pochi...

Piano Scuola 4.0

Piano Scuola 4.0

Dal PNRR oltre 2 miliardi per 100 mila classi innovative e laboratori per le professioni digitali Un programma di innovazione didattica per avere lezioni più interattive e studentesse e studenti più coinvolti. È il “Piano Scuola 4.0”, uno stanziamento di 2,1 miliardi...

10.000 POSTI PER PERSONALE ATA

10.000 POSTI PER PERSONALE ATA

Ben 10.116 nomine in ruolo per il personale ATA. Chi ha i titoli deve quindi attivarsi per presentare l’istanza, la cui scadenza è prevista per il 16 agosto. CHI HA DIRITTO A PRESENTARE LA DOMANDA: Le istanze per le immissioni in ruolo possono essere presentate da chi...