Concorso ordinario: i programmi e l’intervento del Ministero

Presto al via i concorsi ordinari per infanzia primaria e scuola secondaria di I e II grado .

Alle seleziono potranno partecipare esclusivamente i docenti in possesso dei requisiti e che abbiano presentato la domanda entro il 30 luglio 2020.

Saranno riaperte le procedure solo per alcune classi di concorso: A-20, A-26, A-27, A-28 e A-41 per cui si era svolto il concorso smart, indetto con DD n. 826 del 11 giugno 2021.

Quando si svolgeranno le prove?

Il Ministero ha avviato una nuova ricognizione delle aule informatiche; questo ci fa presagire che le prove si terranno in tempi brevi.

La procedura sarà semplificata, in ragione del DL Brunetta. Si volgerà secondo le seguenti modalità:

-unica prova scritta con più quesiti a risposta multipla, utili all’accertamento delle conoscenze e competenze dei candidati, oltre che quesiti attinenti l’informatica e la lingua inglese. Non è prevista la pubblicazione anticipata dei quesiti;

– prova orale;

– valutazione dei titoli;

-formazione della graduatoria sulla base della valutazione delle suddette prove e titoli nel limite dei posti messi a concorso.

Cosa dovrà pubblicare il Ministero?

Il Decreto Sostegni bis indica che il Ministero ha apportato le dovute modifiche ai bandi di concorso, fermo restando i programmi concorsuali, senza che questo comporti la riapertura dei termini per la presentazione delle istanze o la modifica dei requisiti di partecipazione.

Sono state, inoltre, disciplinate le modalità di redazione dei quesiti della prova scritta, la commissione nazionale incaricata di redigere i quadri di riferimento per la valutazione della prova scritta, programmi delle prove, requisiti dei componenti delle commissioni cui spetta il compito id valutare la prova scritta e quella orale, titoli valutabili e relativo punteggio.

Dott.ssa Chiara Pasqui

Articoli recenti

Scuola, arriva il docente di italiano per gli alunni stranieri

Scuola, arriva il docente di italiano per gli alunni stranieri

L'insegnante affiancherà le classi in cui il 20% degli studenti ha importanti carenze nella nostra lingua  Un docente di supporto, "adeguatamente formato", nelle classi dove gli studenti di origini straniere con importanti carenze nella lingua siano uguali o superiori...

450 MILIONI PER LA SCUOLA DAL DECRETO COESIONE

450 MILIONI PER LA SCUOLA DAL DECRETO COESIONE

Pioggia di milioni per le suole del Sud. È stato approvato nei giorni scorsi dal Parlamento il Decreto coesione, che vede confermati tutti i fondi previsti. Gli interventi riguarderanno il potenziamento delle infrastrutture, il rilancio  dell’istruzione tecnica e...