Mobilità 2022-2023, le domande a Febbraio

Fonte: latecnicadellascuola.it – 18 ottobre 2022

Abstract articolo di Lucio Ficara

Prevista per febbraio 2022 la presentazione delle domande per la mobilità del personale docente di ogni ordine.

L’anticipazione delle procedure è stata introdotta dal Ministro Bianchi per garantire di avere tutti i docenti in cattedra a partire dal prossimo 1°settembre 2022.

Ma per fare questo anticipo c’è necessità di rinnovare il CCNI mobilità per il triennio 2022-2025.

Rinnovo CCNI mobilità

Il Contratto Collettivo Nazionale Integrativo concernente la mobilità del personale docente, educativo ed A.T.A. per gli anni scolastici relativi al triennio 2022/23, 2023/24, 2024/25, sarà lo strumento normativo di riferimento per la prossima mobilità che, secondo quanto previsto dal cronoprogramma del Ministro Bianchi per l’avvio del prossimo anno scolastico, dovrebbe avviarsi, con la presentazione delle domande, entro il febbraio 2022.

Questo nuovo contratto sulla mobilità, che tra l’altro dovrà affrontare il delicato tema dei vincoli triennali disposti dalla legge, dovrà essere firmato al più tardi nei primi mesi del 2022.

Vincolo triennale per tutti

Bisogna sottolineare che il decreto legge 73 del 21 maggio 2021, convertito in legge n.106 del 23 luglio 2021, ha introdotto il blocco della mobilità triennale per tutti quei docenti che, avendo presentato domanda volontaria di trasferimento o passaggio di ruolo o passaggio di cattedra, siano stati soddisfatti su qualsiasi preferenza richiesta.

Tutto questo, ai sensi del comma 2, art.58 lettera f), del dl 73/2021, si applicherà a decorrere dalle operazioni di mobilità docenti del 2022/2023.

Bisogna comunque dire che il vincolo triennale non sarà applicato ai docenti che beneficiano della precedenza di cui all’art. 13 del CCNI mobilità, laddove il trasferimento a domanda sia stato ottenuto in un comune o distretto subcomunale per i quali essi hanno diritto alla precedenza. Il vincolo non si applica in caso di trasferimento d’ufficio o a domanda condizionata.

Nel nuovo CCNI mobilità 2022-2025, si dovrà specificare che i neoassunti in ruolo non saranno più vincolati per un quinquennio, ma potranno presentare domanda di mobilità dopo un triennio di permanenza nella scuola in cui sono stati assunti.

Per esempio un docente entrato in ruolo il 1°settembre 2020, potrà richiedere domanda di mobilità per l’anno 2023/2024 già presentando la domanda a febbraio/marzo 2023.

Articoli recenti

APPRODA ALLA CAMERA LA RIFORMA DELL’ISTRUZIONE TECNICA SUPERIORE

APPRODA ALLA CAMERA LA RIFORMA DELL’ISTRUZIONE TECNICA SUPERIORE

Gli Istituti tecnologici superiori (ITS Academy) saranno presto realtà. Chi sarà in possesso del diploma quadriennale di istruzione e formazione professionale potrà accedere a questo secondo percorso, finalizzato soprattutto all’inserimento nel mondo del lavoro. Al...

Didattica attiva: che cos’è la lezione euristica?

Didattica attiva: che cos’è la lezione euristica?

La lezione euristica è quell’approccio didattico basato sul mettere al centro del processo di apprendimento l’alunno che lavora ad una ricerca, un’indagine, dalla quale possa scaturire una scoperta, spesso estremamente empirica. Ed è tale scoperta, nata da un processo...

CONSIGLI DI ISTITUTO CONTRO LA SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE

CONSIGLI DI ISTITUTO CONTRO LA SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE

Non piace la Scuola di Alta Formazione e ora a scendere in campo contro il progetto sono interi collegi di docenti. E’ il caso degli insegnanti dell’Istituto Pesenti di Cascina (PI) – tanto per citare un esempio – che hanno preso carta e penna per fare conoscere...

30 CFU CHI LI DEVE ACQUISIRE?

30 CFU CHI LI DEVE ACQUISIRE?

Docenti precari accedono direttamente al concorso. La legge 76/2022, che contiene le nuove regole del reclutamento degli insegnanti, prevede delle misure ad hoc per i precari con 3 anni di servizio. Al comma 4 dell’articolo 5 della legge appena approvata, si legge...