CONTRO IL BULLISMO A SUON DI CINEMA

Dei bei film istruttivi al posto di romanzine e richiami. Questa potrebbe essere la soluzione efficace per arginare il fenomeno, prima che si arrivi a episodi gravi con conseguenti sospensioni o denunce.

Stiamo parlando del bullismo, vera e propria piaga della scuola che anche in questi giorni sta tenendo sempre più banco nelle cronache.

Dall’inizio dell’anno a nord a sud si sono registrati infatti numerosissimi casi . Ma c’è un aspetto positivo: finalmente di bullismo si sta iniziando a parlare seriamente, e pare proprio che ci sia tutta l’intenzione di affrontare la questione.

Il segnale che qualcosa sembra muoversi è che, accanto a provvedimenti legislativi, si inizia ad affrontare la situazione dal punto di vista culturale. Una maggiore sensibilizzazione è la chiave per fare emergere il fenomeno e incentivare le vittime a denunciare le violenze subite.

Una serie di pronunciamenti di giudici ha contribuito a portare il tema al centro dell’attenzione. Si va dal padre che ha denunciato il proprio figlio, alle norme che riconoscono la responsabilità degli insegnanti per gli atti di bullismo compiuti a scuola.

Se è vero però che prevenire è sempre la soluzione migliore, ecco che portare i ragazzi al cinema può essere una piacevole strada per far comprendere la gravità e le conseguenze di determinati atti.

Storie di bullismo sono la trama di film divenuti celebri. Oltre a contribuire a far conoscere il problema, educatori e psicologi hanno costatato che sono stati un ottimo strumento per fare riflettere studenti e insegnanti e soprattutto per portare ragazzi difficili a modificare comportamenti sbagliati.

Proiettare a scuola alcuni dei film più riusciti potrebbe quindi permettere di ottenere molti più risultati di mille lezioni.

Facendo una ricerca dei titoli si scopre come i film dedicati a questo argomento siano una marea. Accenniamo qui soltanto a pellicole che hanno riscosso particolare successo. Per esempio Wonder, che ha per protagonista un bambino con una deformazione facciale ed è quindi bersagliato dai compagni.

Cyberbulluy è un titolo che non ha bisogno di presentazione, mentre La forma della voce è invece un cartone animato, che vede protagonisti una coppia di ragazzi.

La lista sarebbe comunque tropo lunga: in rete si trovano anche liste di ben cinquanta film. Insegnanti e dirigenti scolastici hanno solo l’imbarazzo della scelta e di qualche ora di cinema gli studenti saranno ben contenti.

Direttore Dott. Alberto Barelli

Articoli recenti

Legge 104: come cambia la normativa da agosto 2022

Legge 104: come cambia la normativa da agosto 2022

Cambia la normativa legata ai permessi della Legge 104 e al congedo straordinario. Lo scorso 5 agosto, l’INPS ha pubblicato un messaggio in cui informa della pubblicazione del decreto legislativo del 30 giugno 2022, n. 105, sull’attuazione della direttiva (UE)...

ELEZIONI, SULLA SCUOLA BALLETTO DI PROMESSE

ELEZIONI, SULLA SCUOLA BALLETTO DI PROMESSE

E’ una gara a chi fa le promesse più grandi sulla scuola questa calda e generosa come non mai campagna elettorale. Intanto però gli istituti non possono contare sul personale amministrativo sufficiente per riuscire a disbrigare le pratiche per ottenere quei pochi...

Piano Scuola 4.0

Piano Scuola 4.0

Dal PNRR oltre 2 miliardi per 100 mila classi innovative e laboratori per le professioni digitali Un programma di innovazione didattica per avere lezioni più interattive e studentesse e studenti più coinvolti. È il “Piano Scuola 4.0”, uno stanziamento di 2,1 miliardi...

10.000 POSTI PER PERSONALE ATA

10.000 POSTI PER PERSONALE ATA

Ben 10.116 nomine in ruolo per il personale ATA. Chi ha i titoli deve quindi attivarsi per presentare l’istanza, la cui scadenza è prevista per il 16 agosto. CHI HA DIRITTO A PRESENTARE LA DOMANDA: Le istanze per le immissioni in ruolo possono essere presentate da chi...