Dal Ministero dell’istruzione 5,2 miliardi per edilizia scolastica

Oltre 5 miliardi per la scuola.

E’ stato infatti firmato il decreto (n. 343 del 02-12-2021) dal Ministro dell’Istruzione Patrizio Bianchi insieme alla Ministra per le Pari opportunità e la Famiglia, Elena Bonetti, e alla Ministra per il Sud e la Coesione territoriale, Mara Carfagna.

Lo stanziamento proviene dal Piano Nazionale di ripresa e Resilienza ed è finalizzato all’edilizia scolastica.

L’obiettivo è soprattutto la realizzazione e messa in sicurezza di asili nido e scuole per l’infanzia, la costruzione di scuole innovative, e l’incremento di mense e palestre.

Al centro dell’attenzione, spiega il ministro Bianchi, è in particolare la questione meridionale e l’abbattimento delle diseguaglianze tra Nord e Sud.

“Almeno il 40% dei fondi messi a bando sarà destinato al Mezzogiorno per dare ai territori che ne hanno maggiore carenza mense scolastiche per il tempo pieno, servizi educativi per l’infanzia, palestre, scuole nuove ed efficienti. – sottolinea il ministro – Più in generale, nell’attribuzione delle risorse, peseranno la scarsità attuale di infrastrutture nei territori, la densità della popolazione studentesca e, ad esempio nel caso di mense e palestre, conteranno anche i dati relativi alle difficoltà negli apprendimenti e alla dispersione scolastica”.

“Futura: la scuola per l’Italia di domani”

è il nome scelto per queste azioni che non si rivolgono soltanto alla scuola ma che hanno come obiettivo trasversale anche l’occupazione femminile, attraverso l’incremento all’accesso agli asili nido e alle scuole dell’infanzia.

Nasce inoltre un sito internet, che contiene i singoli bandi: https://pnrr.istruzione.it/

Questi i finanziamenti:

  • 3 miliardi di euro per il Piano per gli asili nido e le Scuole dell’infanzia: l’obiettivo è ridurre il divario esistente nei servizi educativi per la prima infanzia e potenziarli su tutto il territorio nella fascia di età 0-6 anni
  • 800 milioni di euro per il Piano di costruzione di 195 nuove scuole che sostituiranno vecchi edifici (il 40% delle risorse andrà al Mezzogiorno)
  • 400 milioni di euro per il potenziamento del tempo pieno attraverso l’incremento delle mense scolastiche (il 57,68% delle risorse andrà al Mezzogiorno)
  • 300 milioni di euro (il 54,29% delle risorse andrà al Mezzogiorno) per aumentare l’offerta di attività sportive attraverso la costruzione di palestre o la riqualificazione di quelle esistenti, per un totale di 230.400 metri quadrati da realizzare o riqualificare.
  • 710 milioni di euro per il Piano di messa in sicurezza e riqualificazione delle scuole (il 40% delle risorse andrà al Mezzogiorno).

Dott.ssa Ilaria Montenegri

Articoli recenti

Lo Ius Scholae diventa una proposta di Legge

Lo Ius Scholae diventa una proposta di Legge

Si sta discutendo in queste ore di una nuova legge che potrebbe cambiare la vita a più di un milioni di ragazzi: lo Ius Scholae. Questa legge permetterebbe il riconoscimento della cittadinanza italiana a un percorso scolastico per i minori che non ce l’hanno dalla...

Didattica emozionale

Didattica emozionale

Serenità, interesse, noia, accettazione, apprensione, distrazione Tutti i nostri bambini dai più piccoli ai più grandi hanno un estremo bisogno di conoscere e riconoscere le loro emozioni: cosa provo? di comprenderle: perché provo questo? ed imparare ad esprimerle in...

Religione Cattolica o attività alternativa?

Religione Cattolica o attività alternativa?

La scelta fino al 30 giugno Al momento dell’iscrizione ogni genitore ha la possibilità di scegliere se avvalersi oppure no dell’insegnamento della Religione Cattolica. La scelta è valida per l’intero ciclo di scuola, fermo restando il diritto per i genitori di poterla...

IL FLOP DELLE SCUOLE APERTE D’ESTATE

IL FLOP DELLE SCUOLE APERTE D’ESTATE

Dal Ministero dell’istruzione un sostanzioso contributo contro la siccità: il piano dell’apertura delle scuole d’estate fa infatti acqua da tutte le parti. Ma in verità il problema è serio e c’è poco da scherzare. Veniamo allora al triste quadro che, per la buona pace...