TFA SOSTEGNO A BREVE IL BANDO

Il mestiere dell’Insegnante è da sempre considerato una professione encomiabile che gode di rispettabilità e prestigio.

Per chiunque voglia intraprendere questo tipo di carriera professionale, però, molto spesso le strade da seguire sono confuse e tortuose. Infatti, oltre al percorso formativo universitario, coloro che intendano ricoprire il ruolo dovranno ottenere, a seconda del ruolo desiderato, delle abilitazioni e dei titoli aggiuntivi.

Per diventare Insegnante di sostegno, quindi, servono dei titoli specifici che consentono di ottenere la qualifica professionale. 

INFANZIA E PRIMARIA

laurea in Scienze della formazione primaria, oppure diploma magistrale o diploma sperimentale a indirizzo psicopedagogico con valore di abilitazione e diploma sperimentale a indirizzo linguistico, conseguiti presso gli istituti magistrali oppure un titolo analogo conseguito all’estero e riconosciuto in Italia. 

SECONDARIA PRIMO E SECONDO GRADO

Abilitazione specifica sulla classe di concorso, oppure titolo di laurea e 24 CFU (Crediti Formativi Universitari) in discipline antropologiche, psicologiche, pedagogiche ed in metodologie e tecnologie didattiche. 

Il corso teorico del TFA deve essere frequentato presso l’Università nella quale si è superato il test di accesso. Invece il tirocinio deve essere svolto in una delle istituzioni scolastiche accreditate con apposite convenzioni con le Università.

Solo nel caso di docenti che vengono ammessi al TFA e già svolgono attività di insegnamento in scuole pubbliche o paritarie, le convenzioni per lo svolgimento del tirocinio possono essere stipulate con le istituzioni scolastiche ove essi prestano servizio, anche se non accreditate, per consentire l’effettivo svolgimento del tirocinio senza interrompere la predetta attività. (art. 15 comma 13 del dm 249/10).

IL NOSTRO CORSO DI PREPARAZIONE

Il percorso si propone di offrire una formazione completa agli aspiranti docenti di sostegno per sostenere le prove di accesso al TFA Sostegno (VII Ciclo).

Il corso fornisce tutte le competenze necessarie per affrontare adeguatamente le prove scelte per il reclutamento dei nuovi insegnanti, analizzando tutti i contenuti del programma di concorso: psicologia, didattica, pedagogia, senza tralasciare la conoscenza della legislazione e della normativa scolastica. 

Il corso è strutturato in modalità full online:

  • VIDEOLEZIONI
  • ESERCITAZIONI

 in piattaforma disponibile H24.

Alla fine di ogni gruppo di lezioni è previsto un video di riepilogo e esercitazioni di verifica competenze. Il Corso è compatibile con la contemporanea frequenza di altri corsi di studio.

Dott.ssa Gaia Lupattelli

Articoli recenti

APPRODA ALLA CAMERA LA RIFORMA DELL’ISTRUZIONE TECNICA SUPERIORE

APPRODA ALLA CAMERA LA RIFORMA DELL’ISTRUZIONE TECNICA SUPERIORE

Gli Istituti tecnologici superiori (ITS Academy) saranno presto realtà. Chi sarà in possesso del diploma quadriennale di istruzione e formazione professionale potrà accedere a questo secondo percorso, finalizzato soprattutto all’inserimento nel mondo del lavoro. Al...

Didattica attiva: che cos’è la lezione euristica?

Didattica attiva: che cos’è la lezione euristica?

La lezione euristica è quell’approccio didattico basato sul mettere al centro del processo di apprendimento l’alunno che lavora ad una ricerca, un’indagine, dalla quale possa scaturire una scoperta, spesso estremamente empirica. Ed è tale scoperta, nata da un processo...

CONSIGLI DI ISTITUTO CONTRO LA SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE

CONSIGLI DI ISTITUTO CONTRO LA SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE

Non piace la Scuola di Alta Formazione e ora a scendere in campo contro il progetto sono interi collegi di docenti. E’ il caso degli insegnanti dell’Istituto Pesenti di Cascina (PI) – tanto per citare un esempio – che hanno preso carta e penna per fare conoscere...

30 CFU CHI LI DEVE ACQUISIRE?

30 CFU CHI LI DEVE ACQUISIRE?

Docenti precari accedono direttamente al concorso. La legge 76/2022, che contiene le nuove regole del reclutamento degli insegnanti, prevede delle misure ad hoc per i precari con 3 anni di servizio. Al comma 4 dell’articolo 5 della legge appena approvata, si legge...