NON E’ UNA SCUOLA HI-TECH

WhatsApp fuorilegge nelle scuole del Lazio e caos punteggio concorso docenti: non è una scuola hi-tech.

Il filo conduttore delle notizie che stanno infiammando il clima attorno alla scuola è uno solo. Il sistema scolastico italiano tarda a stare al passo con i tempi e resta in collisione con le nuove tecnologie.

La novità di questi giorni è l’ammissione del Ministero dell’istruzione della presenza nei test concorsuali di domande sbagliate. La questione ha fatto infuriare migliaia di candidati, che ora perlomeno hanno visto riconosciuto il proprio sospetto.

Altrettanto soddisfatti i sindacati, Cgil in testa, che hanno dato vita alla “raccolta degli orrori”. L’ammissione del Governo, questo è l’aspetto ritenuto interessante, aprirà la strada ai ricorsi dei candidati respinti. Intanto è certo che si provvederà al “riconteggio” dei punteggi, che potrà avere conseguenze anche dirompenti.

Altrettanto dibattito stà suscitando la decisione dei presidi del Lazio, che hanno provveduto a mettere ‘fuorilegge’ whatsapp, la messaggistica più usata dai ragazzi e non solo.

Il motivo è l’esasperazione degli insegnanti per l’uso improprio del sistema di messaggi.

Da tempo viene lamentato il disagio provocato da messaggi con contenuti impropri e non privi di toni diciamo non troppo educati. Ma l’aspetto più grave che anche i genitori inviano messaggi negli orari più improbabili, ore notturne comprese.

La decisione ha fatto scendere sulle barricate gli studenti, che accusano i presidi di aver preso una decisione fuori dal tempo.

Vedremo come andrà a finire. Ma se nemmeno il sistema di formazione sa padroneggiare test, social e messaggistica, il paese non è messo troppo bene.

Direttore Dott. Alberto Barelli

Articoli recenti

APPRODA ALLA CAMERA LA RIFORMA DELL’ISTRUZIONE TECNICA SUPERIORE

APPRODA ALLA CAMERA LA RIFORMA DELL’ISTRUZIONE TECNICA SUPERIORE

Gli Istituti tecnologici superiori (ITS Academy) saranno presto realtà. Chi sarà in possesso del diploma quadriennale di istruzione e formazione professionale potrà accedere a questo secondo percorso, finalizzato soprattutto all’inserimento nel mondo del lavoro. Al...

Didattica attiva: che cos’è la lezione euristica?

Didattica attiva: che cos’è la lezione euristica?

La lezione euristica è quell’approccio didattico basato sul mettere al centro del processo di apprendimento l’alunno che lavora ad una ricerca, un’indagine, dalla quale possa scaturire una scoperta, spesso estremamente empirica. Ed è tale scoperta, nata da un processo...

CONSIGLI DI ISTITUTO CONTRO LA SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE

CONSIGLI DI ISTITUTO CONTRO LA SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE

Non piace la Scuola di Alta Formazione e ora a scendere in campo contro il progetto sono interi collegi di docenti. E’ il caso degli insegnanti dell’Istituto Pesenti di Cascina (PI) – tanto per citare un esempio – che hanno preso carta e penna per fare conoscere...

30 CFU CHI LI DEVE ACQUISIRE?

30 CFU CHI LI DEVE ACQUISIRE?

Docenti precari accedono direttamente al concorso. La legge 76/2022, che contiene le nuove regole del reclutamento degli insegnanti, prevede delle misure ad hoc per i precari con 3 anni di servizio. Al comma 4 dell’articolo 5 della legge appena approvata, si legge...