SCUOLA, MINISTRO BIANCHI CONTRO TUTTI

Non solo i matematici. Ora anche gli italianisti scendono in campo contro la riforma della formazione dei docenti. Ci manca che si aggiungano alla tenzone gli insegnanti di educazione fisica e l’accerchiamento del ministro Bianchi sarebbe completo.

A prendere una dura posizione contro il provvedimento approvato nelle scorse settimane è l’Associazione degli italianisti, che avanza un’argomentazione non peregrina:

“(…) risulta particolarmente grave la sovrapposizione tra il corso iniziale triennale (o comunque i primi anni di studio universitario) che deve formare gli studenti sui fondamenti di base delle discipline e il percorso 60 cfu. Ciò rischia di compromettere e rallentare il corretto svolgimento degli studi, con conseguenze negative non solo sulla preparazione degli aspiranti docenti ma su tutto il sistema universitario”.

VERSO LO SCIOPERO DEL 30 MAGGIO

Intanto i sindacati stanno preparando lo sciopero generale del 30 maggio e non passa un giorno che non si aggiunga un motivo di protesta in più. A sindacati e insegnanti si stanno inoltre aggiungendo gli aspiranti docenti, inviperiti per l’eccessivo livello di difficoltà delle prove dei vari concorsi.

CLIMA CALDO SULLE MASCHERINE

Non bastasse tutto questo è arrivato il caldo. E cosa c’entra il caldo direte voi? C’entra eccome, A surriscaldare il clima, nel senso vero del termine, è la questione delle mascherine in classe. Il passo indietro rispetto alla sospensione dell’obbligo di indossare la protezione sta creando sempre più malumori. Per L’Anief l’uso prolungato della mascherina, unita alla temperatura alta, rischia di creare problemi alla salute dei ragazzi e chiede un ripensamento.

Ovviamente non entriamo nel merito. Aggiungiamo che in questo caso la protesta preoccupa meno il ministro, dovendo gestire in merito ben altre beghe. Sulle mascherine, infatti, nel Governo è… guerra di tutti contro tutti.

Non possiamo neanche sperare nella pausa estiva: come abbiamo anticipato ieri le prove del Concorso straordinario rischiano di svolgersi ad agosto. Se il momento è caldo, per il ministro dell’istruzione le prospettive sono roventi

Direttore Dott. Alberto Barelli

Articoli recenti

APPRODA ALLA CAMERA LA RIFORMA DELL’ISTRUZIONE TECNICA SUPERIORE

APPRODA ALLA CAMERA LA RIFORMA DELL’ISTRUZIONE TECNICA SUPERIORE

Gli Istituti tecnologici superiori (ITS Academy) saranno presto realtà. Chi sarà in possesso del diploma quadriennale di istruzione e formazione professionale potrà accedere a questo secondo percorso, finalizzato soprattutto all’inserimento nel mondo del lavoro. Al...

Didattica attiva: che cos’è la lezione euristica?

Didattica attiva: che cos’è la lezione euristica?

La lezione euristica è quell’approccio didattico basato sul mettere al centro del processo di apprendimento l’alunno che lavora ad una ricerca, un’indagine, dalla quale possa scaturire una scoperta, spesso estremamente empirica. Ed è tale scoperta, nata da un processo...

CONSIGLI DI ISTITUTO CONTRO LA SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE

CONSIGLI DI ISTITUTO CONTRO LA SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE

Non piace la Scuola di Alta Formazione e ora a scendere in campo contro il progetto sono interi collegi di docenti. E’ il caso degli insegnanti dell’Istituto Pesenti di Cascina (PI) – tanto per citare un esempio – che hanno preso carta e penna per fare conoscere...

30 CFU CHI LI DEVE ACQUISIRE?

30 CFU CHI LI DEVE ACQUISIRE?

Docenti precari accedono direttamente al concorso. La legge 76/2022, che contiene le nuove regole del reclutamento degli insegnanti, prevede delle misure ad hoc per i precari con 3 anni di servizio. Al comma 4 dell’articolo 5 della legge appena approvata, si legge...