Nuovo sistema di reclutamento e formazione degli insegnanti

LAUREA + 60 CFU

Arrivata l’approvazione definitiva del decreto legge collegato al PNRR, riguardante il nuovo sistema di reclutamento e formazione degli insegnanti.

Un percorso a tappe che va a cambiare ancora una volta, la sesta in circa in vent’anni, le modalità per diventare docenti, generando non pochi malcontenti e lasciando ancora qualche incertezza su alcuni aspetti.

Previsti dunque oltre alla laurea, specifica per la classe di insegnamento scelta, 60 crediti formativi, universitari o accademici, in materie afferenti all’ambito psico-pedagogico.

Una volta raggiunti i suddetti requisiti, i futuri docenti dovranno superare una prova finale, che sancirà la fine del percorso di formazione iniziale.

L’esame consisterà in una prova scritta completata da una lezione simulata.

I 60 Cfu possono essere conseguiti già durante la frequenza del corso di laurea triennale, tramite iscrizione a un centro formativo degli atenei universitari e degli Afam.

Abilitazione su altra classe di concorso o grado di istruzione: Solo 30 CFU

Possibile ottenere anche un’abilitazione supplementare, su un’altra classe di concorso o su un altro grado di istruzione scolastica, con un percorso abbreviato.

Il requisito di partenza è appunto essere già in possesso di abilitazione su altra classe di concorso, oppure essere in possesso della specializzazione sul sostegno.

A questo punto sarà sufficiente acquisire 30 CFU o CFA dal percorso di formazione iniziale, così suddivisi:

  • 20 CFU/CFA riguardanti metodologie e tecniche didattiche delle discipline di riferimento
  • 10 CFU/CFA di tirocinio diretto

La fase transitoria dal vecchio sistema di reclutamento a quello nuovo genera inevitabilmente un po’ di confusione e incertezze.

Rimangono sostanzialmente invariati i requisiti per quanto riguarda le scuole dell’infanzia, le elementari e la specializzazione su sostegno, mentre i cambiamenti interessano i futuri docenti di medie e superiori.

Dott.ssa Gaia Lupattelli

Articoli recenti

APPRODA ALLA CAMERA LA RIFORMA DELL’ISTRUZIONE TECNICA SUPERIORE

APPRODA ALLA CAMERA LA RIFORMA DELL’ISTRUZIONE TECNICA SUPERIORE

Gli Istituti tecnologici superiori (ITS Academy) saranno presto realtà. Chi sarà in possesso del diploma quadriennale di istruzione e formazione professionale potrà accedere a questo secondo percorso, finalizzato soprattutto all’inserimento nel mondo del lavoro. Al...

Didattica attiva: che cos’è la lezione euristica?

Didattica attiva: che cos’è la lezione euristica?

La lezione euristica è quell’approccio didattico basato sul mettere al centro del processo di apprendimento l’alunno che lavora ad una ricerca, un’indagine, dalla quale possa scaturire una scoperta, spesso estremamente empirica. Ed è tale scoperta, nata da un processo...

CONSIGLI DI ISTITUTO CONTRO LA SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE

CONSIGLI DI ISTITUTO CONTRO LA SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE

Non piace la Scuola di Alta Formazione e ora a scendere in campo contro il progetto sono interi collegi di docenti. E’ il caso degli insegnanti dell’Istituto Pesenti di Cascina (PI) – tanto per citare un esempio – che hanno preso carta e penna per fare conoscere...

30 CFU CHI LI DEVE ACQUISIRE?

30 CFU CHI LI DEVE ACQUISIRE?

Docenti precari accedono direttamente al concorso. La legge 76/2022, che contiene le nuove regole del reclutamento degli insegnanti, prevede delle misure ad hoc per i precari con 3 anni di servizio. Al comma 4 dell’articolo 5 della legge appena approvata, si legge...