Docenti Itp, basta il diploma per accedere al concorso

Dal 2024 si cambia: serviranno laurea e abilitazione

La riforma del reclutamento approvata dal Governo e che presto arriverà in Parlamento oltre a fornire diverse novità per l’accesso al percorso di insegnanti mantiene un punto fermo: fino al 2024 per gli Itp basterà il diploma per accedere ai concorsi ma dal 2025 occorreranno la laurea e l’abilitazione.

Infatti, come previsto dal testo approvato dal Consiglio dei Ministri, per quanto riguarda i requisiti di partecipazione al concorso, si legge “il possesso della laurea, oppure del diploma dell’alta formazione artistica, musicale e coreutica di I livello, oppure titolo equipollente o equiparato, coerente con le classi di concorso vigenti alla data di indizione del concorso, e dell’abilitazione specifica sulla classe di concorso“.

Fino al 2024 ci sarà una fase transitoria.

“Sino al 31 dicembre 2024, sono comunque ammessi a partecipare al concorso per i posti comuni di docente di scuola secondaria di primo e secondo grado e per i posti di insegnante tecnico-pratico coloro che abbiano conseguito almeno 30 crediti formativi universitari o accademici del percorso universitario e accademico di formazione iniziale di cui all’articolo 2- bis, a condizione che parte dei crediti formativi universitari o accademici siano di tirocinio diretto“,

riporta il testo del decreto legge approvato.

Dunque fino al 2024 per i posti di insegnante tecnico pratico servirà il diploma con l’aggiunta di 30 Cfu.

NOTA BENE

Il testo deve ancora essere pubblicato in Gazzetta Ufficiale. Inoltre, per diventare legge, dovrà passare il vaglio del Parlamento e dunque potrà essere soggetto a modifiche.

Con Noi della scuola hai diritto a :

  • Promo retta Annuale da ~3900€~ a 2500€
  • Tutor Didattico a tua disposizione
  • Piattaforma di studio accessibile h24
  • Esami online

Dott.ssa Gaia Lupattelli

Articoli recenti

450 MILIONI PER LA SCUOLA DAL DECRETO COESIONE

450 MILIONI PER LA SCUOLA DAL DECRETO COESIONE

Pioggia di milioni per le suole del Sud. È stato approvato nei giorni scorsi dal Parlamento il Decreto coesione, che vede confermati tutti i fondi previsti. Gli interventi riguarderanno il potenziamento delle infrastrutture, il rilancio  dell’istruzione tecnica e...