PERCHE’ SCEGLIERE UN MASTER SANITARIO

I Master Sanitari si rivolgono a professionisti del settore sanitario che intendono implementare le proprie competenze manageriali in relazione ad incarichi dirigenziali, di coordinamento e di responsabilità ed anche a neolaureati che intendono esplorare e settorializzarsi nell’ambito della gestione sanitaria.

  • Tutti i master sono riconosciuti MIUR
  • Si può avere l’esonero dall’acquisizione di crediti ECM (educazione continua in medicina) per l’anno di iscrizione
  • Le lezioni sono disponibili online 24 ore su 24
  • Avrai un tutor online sempre a disposizione
  • I docenti sono di comprovata esperienza e competenza
  • Gli esami sono online

Nel caso del master in management sanitario oltre l’80% dei partecipanti ha trovato una occupazione nei successivi sei mesi dal termine del programma o ha migliorato la propria condizione lavorativa.

Le professioni sanitarie, quelle mediche e i profili del management sanitario si formano infatti con percorsi universitari che sempre più contemplano un master.

Innovazione tecnologica e rivoluzione digitale, sono trend che si combinano con le grandi sfide del settore come l’invecchiamento della popolazione, la crescita delle cronicità e della disabilità correlata.

Il personale infermieristico e tecnico, dopo la laurea triennale, può oggi completare la propria formazione scegliendo tra una laurea magistrale in management sanitario o un master di primo livello.

La prima è requisito per i ruoli dirigenziali, la seconda per le importanti funzioni di coordinamento dove oggi si manifesta la principale carenza di personale qualificato.

La differenza tra i due percorsi è sostanziale soprattutto per le differenze nel “mercato di sbocco”.

Entrambi i programmi, pur formando persone sia per il settore pubblico che per quello privato, danno accesso a “mercati” di dimensioni sostanzialmente diverse.

Le posizioni dirigenziali in ambito infermieristico, infatti, si contano sulle dita di una mano in un medio ospedale; quelle di coordinamento sono decine e sono fondamentali per rendere possibile quel cambiamento organizzativo che sta caratterizzando le nostre strutture sanitarie.

Figure come i:

  • “case manager”,
  • “manager di piattaforma”,
  • “bed manager”,

sono quelle che oggi fanno girare l’ospedale in modo efficiente ed efficace permettendo la gestione fluida dei processi di cura nella logica “centrata sul paziente”, con attenzione sia agli esiti clinici ma anche ai costi e alla qualità percepita.

Noi della Scuola offre una ampia offerta in questo settore con possibilità di iscriversi in ogni momento dell’anno insieme alla possibilità di fare il tirocinio nella struttura dove si lavora accreditandosi con un semplice modulo da compilare.

Dott.ssa Gaia Lupattelli

Articoli recenti

APPRODA ALLA CAMERA LA RIFORMA DELL’ISTRUZIONE TECNICA SUPERIORE

APPRODA ALLA CAMERA LA RIFORMA DELL’ISTRUZIONE TECNICA SUPERIORE

Gli Istituti tecnologici superiori (ITS Academy) saranno presto realtà. Chi sarà in possesso del diploma quadriennale di istruzione e formazione professionale potrà accedere a questo secondo percorso, finalizzato soprattutto all’inserimento nel mondo del lavoro. Al...

Didattica attiva: che cos’è la lezione euristica?

Didattica attiva: che cos’è la lezione euristica?

La lezione euristica è quell’approccio didattico basato sul mettere al centro del processo di apprendimento l’alunno che lavora ad una ricerca, un’indagine, dalla quale possa scaturire una scoperta, spesso estremamente empirica. Ed è tale scoperta, nata da un processo...

CONSIGLI DI ISTITUTO CONTRO LA SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE

CONSIGLI DI ISTITUTO CONTRO LA SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE

Non piace la Scuola di Alta Formazione e ora a scendere in campo contro il progetto sono interi collegi di docenti. E’ il caso degli insegnanti dell’Istituto Pesenti di Cascina (PI) – tanto per citare un esempio – che hanno preso carta e penna per fare conoscere...

30 CFU CHI LI DEVE ACQUISIRE?

30 CFU CHI LI DEVE ACQUISIRE?

Docenti precari accedono direttamente al concorso. La legge 76/2022, che contiene le nuove regole del reclutamento degli insegnanti, prevede delle misure ad hoc per i precari con 3 anni di servizio. Al comma 4 dell’articolo 5 della legge appena approvata, si legge...