NUMERO DEI LAUREATI: L’ITALIA SI SALVA GRAZIE ALLE UNIVERSITA’ TELEMATICHE

Oltre mezzo milione di neodiplomati saranno chiamati a scegliere il percorso di laurea ma i dati dicono che soltanto una minima parte conquisterà il titolo di dottore.

I dati di Eurostat, relativi allo scorso anno, sono chiari e purtroppo impietosi: l’Italia è al penultimo posto in Europa per la percentuale di laureati, seguita soltanto dalla Romania. Se non fosse per il contributo delle università telematiche, evidentemente saremmo riusciti a superare (in peggio) anche questo stato.

Per avere un’idea va considerato che la percentuale dei laureati tra i cittadini tra i 24 e i 34 anni nella penisola è del 28%, mentre il Lussemburgo è attestato attorno al 63%.

LA META’ DEI DIPLOMATI SI RIVOLGE ALLA FOMAZIONE A DISTANZA

Alle università telematiche va innanzitutto il merito di essere determinanti nel far decidere a un numero sempre più elevato di diplomati di continuare gli studi. Ormai infatti il 50% dei neolaureati si rivolge direttamente a un polo universitario telematico.

LE UNIVERSITA’ TELEMATICHE ARGINE ALLA DISPERSIONE

Il loro ruolo diventa quindi fondamentale sul fronte del recupero della dispersione. Se si calcolasse il numero degli studenti che lasciano le università per continuare gli studi passando per esempio a eCampus, che resta il polo leader per numero di iscritti e offerta formativa, emergerebbe come, senza questa alternativa, la percentuale degli abbandoni sarebbe ben più alta.

A contribuire a fare optare per lo studio a distanza è stata senza dubbio anche la pandemia. L’altra ragione è il salto in avanti compiuto dal paese dal punto di vista della rete internet e dal progresso compiuto nell’utilizzo delle nuove tecnologie.

Anche la diffusione dello smart-working ha contribuito a un profondo cambiamento culturale, per il quale lavorare o studiare da casa è considerato ora normale. E meno male, perché altrimenti il rischio sarebbe quello di ritrovarsi davvero fanalino di coda.

Direttore Dott. Alberto Barelli

Articoli recenti

APPRODA ALLA CAMERA LA RIFORMA DELL’ISTRUZIONE TECNICA SUPERIORE

APPRODA ALLA CAMERA LA RIFORMA DELL’ISTRUZIONE TECNICA SUPERIORE

Gli Istituti tecnologici superiori (ITS Academy) saranno presto realtà. Chi sarà in possesso del diploma quadriennale di istruzione e formazione professionale potrà accedere a questo secondo percorso, finalizzato soprattutto all’inserimento nel mondo del lavoro. Al...

Didattica attiva: che cos’è la lezione euristica?

Didattica attiva: che cos’è la lezione euristica?

La lezione euristica è quell’approccio didattico basato sul mettere al centro del processo di apprendimento l’alunno che lavora ad una ricerca, un’indagine, dalla quale possa scaturire una scoperta, spesso estremamente empirica. Ed è tale scoperta, nata da un processo...

CONSIGLI DI ISTITUTO CONTRO LA SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE

CONSIGLI DI ISTITUTO CONTRO LA SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE

Non piace la Scuola di Alta Formazione e ora a scendere in campo contro il progetto sono interi collegi di docenti. E’ il caso degli insegnanti dell’Istituto Pesenti di Cascina (PI) – tanto per citare un esempio – che hanno preso carta e penna per fare conoscere...

30 CFU CHI LI DEVE ACQUISIRE?

30 CFU CHI LI DEVE ACQUISIRE?

Docenti precari accedono direttamente al concorso. La legge 76/2022, che contiene le nuove regole del reclutamento degli insegnanti, prevede delle misure ad hoc per i precari con 3 anni di servizio. Al comma 4 dell’articolo 5 della legge appena approvata, si legge...