CONSIGLI DI ISTITUTO CONTRO LA SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE

Non piace la Scuola di Alta Formazione e ora a scendere in campo contro il progetto sono interi collegi di docenti.

E’ il caso degli insegnanti dell’Istituto Pesenti di Cascina (PI) – tanto per citare un esempio – che hanno preso carta e penna per fare conoscere apertamente la loro critica verso il nuovo percorso formativo.

BOCCIATURA SENZA APPELLO

Tante le perplessità verso una riforma, si legge testualmente, destinata a determinare “un appesantimento burocratico che ostacola il conseguimento di reali obiettivi di qualità formativa e favorisce modalità standardizzate di realizzazione dei processi educativi”.

Non solo, si legge ancora che “ il meccanismo della selezione e degli incentivi incoraggia derive individualistiche e mortifica il bisogno di collegialità e di formazione diffusa indispensabili alla qualificazione dell’intero sistema scolastico”.

Ma la bocciatura senza appello riguarda soprattutto l’istituzione della Scuola di Alta Formazione.

La ragione è che, essendo gestita dal Miur:

“entrerebbe in rapporto diretto con la sovranità dei Collegi dei docenti, condizionandone il ruolo in materia di progettazione e programmazione”

La richiesta è che venga stralciato dal capitolo “Istruzione” il capo VIII dal DL n. 36/2022, e di avviare un ampio dibattito per dare vita a sistemi di reclutamento e formazione davvero utili.

IL SOCCORSO DELLE UNIVERSITA’ TELEMATICHE

Al di là delle questioni di merito, la preoccupazione è che l’ente formativo gestito dal Miur non sarà in grado di gestire i tanti percorsi di formazione, come è successo nel caso dei 24 cfu.

Dopo il primo anno, le università statati hanno infatti smesso di organizzare i corsi, non essendo in grado di fare fronte alle migliaia di richieste. Anche per i 60 cfu gli aspiranti docenti si stanno così rivolgendo alle università telematiche, eCampus in testa, che, invece, è stato in grado di rilasciare l’attestazione a decine di migliaia di corsisti.

Visti i ritardi nella gestione della riforma, ci sono tutti i presupposti perché anche per i 60 cfu si ripeta la stessa storia. Infatti le università telematiche sono già pronte per mettere a punti i corsi e per fare fronte alle richieste. Gli aspiranti docenti sanno già a chi rivolgersi.

Direttore Dott. Alberto Barelli

Articoli recenti

Legge 104: come cambia la normativa da agosto 2022

Legge 104: come cambia la normativa da agosto 2022

Cambia la normativa legata ai permessi della Legge 104 e al congedo straordinario. Lo scorso 5 agosto, l’INPS ha pubblicato un messaggio in cui informa della pubblicazione del decreto legislativo del 30 giugno 2022, n. 105, sull’attuazione della direttiva (UE)...

ELEZIONI, SULLA SCUOLA BALLETTO DI PROMESSE

ELEZIONI, SULLA SCUOLA BALLETTO DI PROMESSE

E’ una gara a chi fa le promesse più grandi sulla scuola questa calda e generosa come non mai campagna elettorale. Intanto però gli istituti non possono contare sul personale amministrativo sufficiente per riuscire a disbrigare le pratiche per ottenere quei pochi...

Piano Scuola 4.0

Piano Scuola 4.0

Dal PNRR oltre 2 miliardi per 100 mila classi innovative e laboratori per le professioni digitali Un programma di innovazione didattica per avere lezioni più interattive e studentesse e studenti più coinvolti. È il “Piano Scuola 4.0”, uno stanziamento di 2,1 miliardi...

10.000 POSTI PER PERSONALE ATA

10.000 POSTI PER PERSONALE ATA

Ben 10.116 nomine in ruolo per il personale ATA. Chi ha i titoli deve quindi attivarsi per presentare l’istanza, la cui scadenza è prevista per il 16 agosto. CHI HA DIRITTO A PRESENTARE LA DOMANDA: Le istanze per le immissioni in ruolo possono essere presentate da chi...