CODING: le competenze per sviluppare il pensiero computazionale con il coding

L’Italia è uno dei primi Paesi al mondo ad aver introdotto il coding a scuola, come attività per lo sviluppo del pensiero computazionale, ovvero, la capacità di risolvere problemi.

Il coding nella didattica è, infatti, un efficace e divertente strumento che agevola e semplifica la comprensione e l’acquisizione dei contenuti, ma questa attività non può essere progettata e proposta dall’alto, dai docenti: essa va sperimentata, praticata e condivisa con gli studenti, nel tentativo di rendere il coding a scuola un’attività interdisciplinare.

Lo sviluppo didattico consente ad ogni studente di entrare in contatto con il calcolo computazione, con particolare riferimento alle abilità che oggi il mondo della scuola, e non solo, richiede.

Secondo tale prospettiva la struttura didattica ad ampio raggio pratico ed epistemologico-scientifico permette ad ogni studente di acquisire conoscenze di programmazione informatica e di comunicazione propositiva con il computer.

Al termine del percorso formativo lo studente saprà operare nell’ambito formativo, sia pubblico che privato, per mezzo di una profonda professionalità docente.

Sostanzialmente, si tratta di un’educazione al pensiero logico e analitico diretto alla soluzione di problemi. Impiegandolo in contesti di gioco educativo (es. la robotica), dispiega al meglio le proprie potenzialità, perché l’alunno ne constata immediatamente le molteplici e concrete applicazioni.

Ciò contribuisce alla costruzione delle competenze matematiche, scientifiche e tecnologiche, ma anche allo spirito di iniziativa, nonché all’affinamento delle competenze linguistiche. 

Nei contesti attuali, in cui la tecnologia dell’informazione è così pervasiva, la padronanza del coding e del pensiero computazionale possono aiutare le persone a governare le macchine e a comprenderne meglio il funzionamento, senza esserne invece dominati e asserviti in modo acritico.

Con il Corso di perfezionamento di Noidellascuola farai esame scritto da 30 domande a risposta multipla su tutti gli argomenti trattati nel corso.

Competenze per sviluppare il pensiero computazionale con il coding:


CODING M-PED/03 3
LA SCUOLA, INNOVAZIONE E PROGETTUALITA’ INF/01 9
COMPETENZE DI PROGETTAZIONE DIDATTICA M-PED/03 12
PRATICHE DIDATTICHE PER LA SCUOLA M-PED/03 4
BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI E TECNOLOGIE PER L’INCLUSIONE M-PED/01 6
ELEMENTI DI PROGRAMMAZIONE INF/01 12
FONDAMENTI DI INFORMATICA ING-INF/05 4
PROGRAMMAZIONE MOBILE ING-INF/05 3
PENSIERO COMPUTAZIONALE E PROBLEM SOLVING INF/01 6
PROVA FINALE 1

Gaia Lupattelli

Articoli recenti

Calano gli iscritti al liceo classico.

Calano gli iscritti al liceo classico.

Il commmento di Gramellini: «Il classico non ti spiega come funziona il mondo, ma ti abitua a chiederti perché» Si sono chiuse le iscrizioni per l'anno scolastico 2023/2024 e il Ministero ha comunicato i risultati delle scelte.  I licei continuano a essere la scelta...

Insegnante di Matematica cercasi: non si trova nemmeno da MAD

Insegnante di Matematica cercasi: non si trova nemmeno da MAD

Insegnante di Matematica cercasi: non si trovano supplenti per questa posizione, nemmeno dalle domande di Messa a Disposizione. Le scuole cercano insegnanti di Matematica… Non è certo una novità: la Classe di Concorso alla quale conferisce accesso la Laurea...

Carta del docente estesa agli educatori ma non ai precari

Carta del docente estesa agli educatori ma non ai precari

Nessuno spiraglio per i precari, ma apertura agli educatori per la carta del docente che potrebbe essere estesa non solo agli insegnanti di ruolo. Stando infatti a quanto stabilito dalla sentenza della Cassazione Civile, numero 32104/22, il bonus di 500 euro...