Sostenibilità e didattica: come aumentare negli alunni la consapevolezza che le risorse del Pianeta non sono infinite?

L’inquinamento, il sottoprodotto tossico delle nostre attività economiche è antico quanto la civiltà, la contaminazione e l’avvelenamento della natura attraverso le più disparate sostanze chimiche, penetrate negli ecosistemi di tutto il mondo, vengo purtroppo molto spesso accettate come normale conseguenza del nostro progresso, certamente una visione distorta che nasce principalmente da scarse conoscenze scientifiche e mancanza di azione politiche globali congiunte volte a contrastare il cambiamento climatico.

“Making peace with nature”

All’inizio del 2021 le Nazioni Unite hanno messo in primo piano il rapporto: “Making peace with nature” in cui viene dichiarato che il cambiamento climatico è “la terza grande emergenza planetaria”, un’affermazione confermata da Mary Ryan dell’Imperial college di Londra, che con il suo gruppo di lavoro ha lanciato il progetto chiamato “Transition to zero pollution” (transizione verso l’inquinamento zero).

Lo studio condotto dal gruppo di scienziati afferma che: quando si dice “Zero inquinamento” si intende zero assoluto nella produzione di sostanze inquinanti.

Per modificare questi comportamenti scellerati nei confronti della natura sono necessari cambiamenti radicali dei nostri sistemi economici, industriali e dei modelli commerciali, è indispensabile che venga adottata un’economia chimica circolare in cui tutto ciò che viene usato sia innocuo, riciclabile o trattabile. Ovviamente gli scienziati non si fanno illusioni su quanto tempo ci vorrà e quanto sarà difficile, ma le soluzioni tecnologiche che possono andare nella direzione “Zero inquinamento” esistono e praticabili a livello economico.

L’azione educativa può certamente favorire il cambiamento e aumentare la consapevolezza che l’ambiente non può essere considerato uno spazio illimitato e che le risorse del pianeta non sono infinite, pertanto un’investimento serio di energie sull’educazione ambientale è una delle azioni possibili che si può attuare per comprendere la complessità dei cambiamenti climatici, in grado di favorire mutamento negli atteggiamenti e nei comportamenti sia a livello individuale che collettivo. 

La sostenibilità nelle scuole italiane

L’attenzione all’ecosostenibilità e al cambiamento climatico è un segmento significativo dell’offerta formativa delle scuole italiane, che da sempre realizzano progettualità in grado di contribuire alla comprensione del complesso rapporto uomo-ambiente.

Queste azioni didattiche favoriscono la relazione tra le varie discipline scolastiche e l’educazione ambientale aiutando i ragazzi a ricomporre i saperi e a vivere l’apprendimento scolastico come strumento per capire la realtà locale e globale.

Recenti azioni ministeriali, come il PON sugli Ambienti e laboratori per l’educazione e la formazione alla transizione ecologica https://www.istruzione.it/pon/avviso_educazione_transizione_ecologica.html, promuovono processi intenzionali di cambiamento attraverso l’azione ed è finalizzato alla realizzazione di spazi e laboratori per l’educazione e la formazione alla transizione ecologica all’allestimento di giardini e orti didattici, innovativi e sostenibili all’interno dei plessi scolastici.

L’azione promossa dal PON Edugreen è assolutamente un’attività didattica in cui è molto importante l’azione laboratoriale in cui molte sono le componenti tecnologiche da gestire, basti pensare ai sistemi di controllo e monitoraggio dell’inquinamento atmosferico, acustico e luminoso, ma anche al controllo automatico dei parametri ambientali che permettono la crescita di piante.

Come realizzare attività laboratoriali per l’educazione e la formazione alla transizione ecologica?

L’attività formativa: Realizzare laboratori green con il Making e il Coding – Proposte didattiche innovative per la sostenibilità ambientale, fornendo competenze per gestire le tecnologie al fine di strutturare una didattica attiva ed inclusiva ed è indirizzata a docenti di ogni ordine e grado.

Le attività finalizzate alla realizzazione di laboratorio per l’educazione alla transizione ecologica, prevede necessariamente un controllo dei parametri fisico/chimici che può essere agevolmente svolta con strumenti didattici che vengono utilizzati comunemente in attività laboratoriali per l’apprendimento del Coding e la robotica didattica.

Gaia Lupattelli

Articoli recenti

Calano gli iscritti al liceo classico.

Calano gli iscritti al liceo classico.

Il commmento di Gramellini: «Il classico non ti spiega come funziona il mondo, ma ti abitua a chiederti perché» Si sono chiuse le iscrizioni per l'anno scolastico 2023/2024 e il Ministero ha comunicato i risultati delle scelte.  I licei continuano a essere la scelta...

Insegnante di Matematica cercasi: non si trova nemmeno da MAD

Insegnante di Matematica cercasi: non si trova nemmeno da MAD

Insegnante di Matematica cercasi: non si trovano supplenti per questa posizione, nemmeno dalle domande di Messa a Disposizione. Le scuole cercano insegnanti di Matematica… Non è certo una novità: la Classe di Concorso alla quale conferisce accesso la Laurea...

Carta del docente estesa agli educatori ma non ai precari

Carta del docente estesa agli educatori ma non ai precari

Nessuno spiraglio per i precari, ma apertura agli educatori per la carta del docente che potrebbe essere estesa non solo agli insegnanti di ruolo. Stando infatti a quanto stabilito dalla sentenza della Cassazione Civile, numero 32104/22, il bonus di 500 euro...