Basta snobbare i mestieri tecnico-pratici 1 giovane su 5 interessato. Valditara punta proprio sul rilancio degli istituti tecnici e professionali

Adesso anche i giovani fanno sapere di essere attratti dalle professioni tecnico-pratiche e dunque, la direzione indicata della riforma del Pnrr sull’istruzione tecnica e professionale potrebbe calzare veramente a pennello.

Infatti, su un campione di 2.600 studenti delle scuole superiori, circa 1 futuro diplomato su 5 si dice pronto a valutare una delle tante strade che il mercato del lavoro mette a disposizione in questo ambito.

Addirittura il 6% del campione la considera la prima scelta per il futuro.

Mentre la restante parte (13%) lo farebbe solo se, alla base, ci fossero adeguati percorsi formativi e sufficienti prospettive di carriera o di stipendio.

Il 28% del campione sarebbe invece ben disposto ma al momento più orientati a mansioni di carattere maggiormente teorico.

A cui si affianca la platea (53%) degli assolutamente contrari.

Per 4 su 10 si tratta quasi di uno sbocco naturale: di questi, il 26% lo farebbe per soddisfare una passione personale, il 15% per sfruttare l’attitudine a svolgere attività più concrete.

Molti altri, però, con un atteggiamento pragmatico, si lascerebbero convincere da aspetti differenti: il 15% per avere maggiori chance di trovare un lavoro in tempi rapidi, l’11% per il tipo di curriculum richiesto (con meno teoria e più pratica), il 10% per i guadagni.

Con Noi della Scuola ogni studente ITP ha a disposizione corsi dedicati.

Il piano di Valditara

Questo porta ad una riflessione inevitabile: la rivalutazione dell’istruzione tecnica e professionale che è già in parte iniziata con la riforma del Pnrr e che dovrà essere definita dal nuovo Ministro dell’Istruzione e del Merito Giuseppe Valditara.

Corsi di laurea triennali che permettono di abilitarsi come docente tecnico pratico e nello stesso momento acquisire punteggio in graduatoria.

Gaia Lupattelli

Articoli recenti

CALO DEMOGRAFICO: COME RIORGANIZZARE LA SCUOLA

CALO DEMOGRAFICO: COME RIORGANIZZARE LA SCUOLA

A parlare sono i numeri: 2600 scuole chiuse nell’ultimo decennio e altre 1200 che cesseranno di esistere nei prossimi cinque anni. Sono le conseguenze del drastico calo delle nascite, con le quali il sistema formativo italiano è chiamato a fare i conti per fare fronte...

Docente tutor e orientatore, scade oggi alle 15

Docente tutor e orientatore, scade oggi alle 15

Al via le procedure per la selezione delle figure del docente tutor e quella dell’orientatore che consentiranno l’avvio delle attività curricolari di orientamento destinate agli studenti delle circa 70 mila classi del secondo biennio e dell’ultimo anno della scuola...