SALVARE IL BONUS CULTURA: APPELLO DEGLI EDITORI

Appello degli editori per salvare il Bonus cultura di 500 euro per tutti gli studenti, che hanno lanciato la campagna #SALVATELA18APP.

L’intenzione del Governo è infatti quella di modificare il progetto, restringendo l’elargizione soltanto ai ragazzi con un introito familiare inferiore a un dato livello.

Attualmente, invece, il bonus è a disposizione di tutti, con un ritorno per la vendita di libri non di poco conto.

Appena sono uscite le prime indiscrezioni circa una sua eliminazione per una parte degli studenti sono scese in campo tutte le principali associazioni degli editori, pubblicando un appello sul Corriere della Sera.

La Carta cultura è stata introdotta nel 2016 con l’obiettivo di promuovere l’interesse per la cultura tra i giovani ragazzi.

I numeri dicono che l’iniziativa ha portato i suoi frutti, tanto che è stata riproposta anche all’estero.

Come sottolinea il presidente dell’Associazione Italiana Editori ( AIE) Ricardo Franco Levi, “la 18app è il modo in cui lo Stato si rivolge a tutti i suoi nuovi cittadini dando loro l’autonomia di poter scegliere come vivere la cultura nel momento in cui diventano adulti, indipendentemente dalle possibilità e dalle scelte dei loro genitori.

È una scommessa sul futuro ed è una scommessa che funziona: ogni anno quasi due terzi dei bonus sono utilizzati per i libri, con ricadute fortissime su tutte la filiera”.

Viene in oltre ricordato che a seguito dell’introduzione della Carta docente nelle librerie è stata potenziata l’offerta per i giovani.

Indiscutibile è l’aumento della lettura certificato dall’istat nella classe di età dai 18 ai 21 anni, passata dal 46,8% al 54% dal 2016 al 2019.

Un dato che dimostra come l’abitudine a leggere si preserva anche dopo la scuola dell’obbligo.

Gli editori auspicano quindi un ripensamento da parte del Governo, chiedendo semmai modifiche finalizzate a correggere gli aspetti da migliorare.

Alberto Barelli

Articoli recenti

Scuola, arriva il docente di italiano per gli alunni stranieri

Scuola, arriva il docente di italiano per gli alunni stranieri

L'insegnante affiancherà le classi in cui il 20% degli studenti ha importanti carenze nella nostra lingua  Un docente di supporto, "adeguatamente formato", nelle classi dove gli studenti di origini straniere con importanti carenze nella lingua siano uguali o superiori...

450 MILIONI PER LA SCUOLA DAL DECRETO COESIONE

450 MILIONI PER LA SCUOLA DAL DECRETO COESIONE

Pioggia di milioni per le suole del Sud. È stato approvato nei giorni scorsi dal Parlamento il Decreto coesione, che vede confermati tutti i fondi previsti. Gli interventi riguarderanno il potenziamento delle infrastrutture, il rilancio  dell’istruzione tecnica e...