L’ESAME DI MATURITA’ TORNA ALLA MODALITA’ PRECOVID

Dal prossimo anno esame di maturità con due prove scritte e colloquio orale.

Si torna così alla modalità in vigore prima della pandemia, a causa della quale si era passati a una prova più snella.

La riforma è stata annunciata nei giorni scorsi dal ministro dell’istruzione e del merito Giuseppe Valditara, che ha concluso una prima fase di consultazione promossa per definire l’intero progetto.

La novità più importante è il ritorno alla commissione d’esame mista, che sarà quindi composta da tre insegnanti e dal presidente esterni.

Inoltre le prove Invalsi torneranno requisito di ammissione agli esami di stato di II grado.

Per l’esame orale saranno seguite precise disposizioni.

Il colloquio interdisciplinare – spiega il ministro – deve valorizzare le competenze degli studenti e verificare la loro capacità di fare collegamenti tra le materie. Non deve esserci l’interrogazione in italiano, in greco o in matematica. Su questo invierò una circolare che chiarirà esattamente come andrà svolto il colloquio“.

L’aspetto importante è che viene considerata archiviata l’emergenza sanitaria. “È finita almeno per la maturità. – sottolinea il minstro – Poi che abbia lasciato degli strascichi è evidente.

L’aumento del bullismo, uno smarrimento di molti giovani che si trovano più in crisi nell’affrontare il percorso scolastico. Mi riferisco alla sempre più accentuata assenza di socializzazione“.

A spingere il Governo alla riforma dell’esame di maturità è certamente la volontà di dimostrare che siamo di fronte a un ritorno alla normalità.

Ma l’obiettivo di Valditara è quello di assicurare un tipo di esame in grado di valorizzare l’impegno degli studenti nell’acquisire le competenze interdisciplinari.

Si tratta di capire ora come studenti e insegnanti accoglieranno la riforma, a partire dal ritorno alle prove Invalsi, da sempre oggetto di critiche.

Alberto Barelli

Articoli recenti

Scuola, arriva il docente di italiano per gli alunni stranieri

Scuola, arriva il docente di italiano per gli alunni stranieri

L'insegnante affiancherà le classi in cui il 20% degli studenti ha importanti carenze nella nostra lingua  Un docente di supporto, "adeguatamente formato", nelle classi dove gli studenti di origini straniere con importanti carenze nella lingua siano uguali o superiori...

450 MILIONI PER LA SCUOLA DAL DECRETO COESIONE

450 MILIONI PER LA SCUOLA DAL DECRETO COESIONE

Pioggia di milioni per le suole del Sud. È stato approvato nei giorni scorsi dal Parlamento il Decreto coesione, che vede confermati tutti i fondi previsti. Gli interventi riguarderanno il potenziamento delle infrastrutture, il rilancio  dell’istruzione tecnica e...